Montebellunese
stampa

Crocetta: programmate tre importanti mostre

La bella e prestigiosa villa ospiterà nel triennio 2020-2022, tre significative mostre sulla rivoluzione silenziosa dell’arte, per raccontare l’importanza della pittura veneta nell’evoluzione artistica nazionale e non solo. Il ciclo espositivo, curato da Antonella Alban e Giovanni Granzotto in collaborazione con Stefano Cecchetto, partirà quindi dagli albori del Novecento e giungerà fino agli inizi del XXI secolo. 

Parole chiave: crocetta del montello (7), villa ancilotto (1), mostre (21)
Crocetta: programmate tre importanti mostre

La bella e prestigiosa villa Ancilotto a Cocetta del Montello, ospiterà nel triennio 2020-2022, tre significative mostre sulla rivoluzione silenziosa dell’arte, per raccontare l’importanza della pittura veneta nell’evoluzione artistica nazionale e non solo.

Il ciclo espositivo, curato da Antonella Alban e Giovanni Granzotto in collaborazione con Stefano Cecchetto, partirà quindi dagli albori del Novecento e giungerà fino agli inizi del XXI secolo. Il progetto “a tappe” sarà sviluppato in partnership con l’associazione ArtDolomites di Belluno, che opera da diversi anni nell’organizzazione di eventi culturali. Le mostre, che puntano a far comprendere cos’è stata l’arte nel secolo scorso, si propongono pure come uno spunto di riflessione e approfondimento sulla cultura novecentesca e, in particolare, sul contributo dato alla crescita dell’arte italiana da grandi artisti come Gino Rossi, i Buranelli, Guidi e De Pisis, a partire dal primo decennio del Novecento fino alla Seconda guerra mondiale.

“Abbiamo pensato a un’importante iniziativa di valenza triennale - rivela l’assessore alla cultura Giancarlo Fritz - con la convinzione che il suo eco giunga in tutto il Veneto, perché cultura e turismo sono un binomio in grado di trasformarsi in risorsa per il territorio. Lo spunto arriva da un nostro concittadino, Gino Rossi, che venne riconosciuto un genio dell’arte dopo la morte”.

“Questo triplice appuntamento culturale - sottolinea la sindaca di Crocetta del Montello, Marianella Tormena - rappresenta una sfida per tutto il nostro territorio che ha la fortuna di disporre di eccezionali potenzialità: luoghi di pregio come Villa Ancillotto e figure artistiche uniche come il maestro Gino Rossi. Dalla consapevolezza di voler rendere onore a tanta grandezza nasce la mostra che vuole essere un invito a conoscere questi luoghi, le sue persone e la sua storia”.

Il percorso artistico sarà scandito con una prima esposizione “1910-1940: la rivoluzione silenziosa dell’arte in Veneto, da Gino Rossi a Guidi e De Pisis”, in programma nel corso di quest’anno, mentre la seconda rassegna pittorica riguarderà il periodo “1940-1970: la rivoluzione silenziosa dell’arte in Veneto, da Music a Deluigi e Tancredi”. Infine la terza mostra sarà relativa al “1970-2000: la rivoluzione silenziosa dell’arte in Veneto, da Vedova a Santomaso”.

Il primo percorso espositivo sarà anticipato da un convegno dal titolo “1910-1940… E l’arte cambiò il mondo”, che si terrà nella sede della società operaia a Crocetta del Montello. In quell’occasione i curatori introdurranno il percorso artistico della mostra.

Giovanni Cosatti

Tutti i diritti riservati
Crocetta: programmate tre importanti mostre
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento