Montebellunese
stampa

Giavera: verso la desiderata nuova chiesa

Un’assemblea parrocchiale allargata ha preceduto la celebrazione in onore del patrono di Giavera del Montello, san Giacomo, presieduta sabato 25 luglio dal vescovo di Treviso, mons. Michele Tomasi. Un’assemblea che si è tenuta al termine degli incontri che hanno visto la comunità coinvolta in un cammino che la porterà a vedere realizzata la nuova chiesa.

Parole chiave: assemblea parrocchiale (1), nuova chiesa (1), giavera (39), chiesa (153), parrocchia (35), vescovo tomasi (96)
Giavera: verso la desiderata nuova chiesa

Un’assemblea parrocchiale allargata ha preceduto la celebrazione in onore del patrono di Giavera del Montello, san Giacomo, presieduta sabato 25 luglio dal vescovo di Treviso, mons. Michele Tomasi. Un’assemblea che si è tenuta al termine degli incontri che hanno visto la comunità coinvolta in un cammino che la porterà a vedere realizzata la nuova chiesa. E il riferimento al cammino, come quello di san Giacomo, è stato ribadito dai presenti, dal parroco don Narciso Bernardis che ha voluto ringraziare per il sostegno avuto in questo periodo, dalla diocesi, dalla Cei, dai volontari. Con il vescovo Michele e molti sacerdoti della diocesi, davanti al sindaco Maurizio Cavallin, era presente anche don Valerio Pennasso, direttore dell’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della Cei che ha indicato quale sarà l’iter. Dopo i tre incontri con la comunità e la raccolta dei desiderata, sarà necessario predisporre un “documento preliminare al concorso, bandire il concorso, trovare il modo per scegliere quelli che vanno meglio per questa comunità, sei/sette su cui una giuria individuerà il vincitore, giuria che sarà il vescovo a comporre con figure professionali in grado di giudicare, quali architetti, ingegneri, storici dell’arte, liturgisti”. In questo modo la chiesa di Giaverà sarà la chiesa che la comunità ha voluto e richiesto. Uno degli aspetti indicati, ad esempio, è che deve armonizzarsi con il verde del Montello, deve avere spazio non solo interno ma anche esterno, con la creazione di una piazza che non sia parcheggio, ma punto di riferimento per gli abitanti.

Come spiegato bene anche dal vescovo Michele ai presenti, una certa somma dell’8 per mille viene destinata per l’edilizia di culto, per ristrutturare o costruire nuove chiese. “Di solito i parroci sono in imbarazzo a parlare di soldi - ha detto mons. Tomasi -.  Alla costruzione di nuove chiese o alla ristrutturazione di quelle antiche sono destinate una parte dell’otto per mille per cui firmiamo nella dichiarazione dei redditi e anche altre offerte che si possono fare. Siamo sempre dubbiosi su dove vadano a finire questi soldi. Per quel che ho visto io vanno a finire bene, in bei progetti, che possono ricadere, come in questo caso, sulla nostra parrocchia, sulla nostra Diocesi e poi in tutta la Chiesa italiana. Non è una questione di vil denaro, ma è un precetto del catechismo di sovvenire alle necessità della Chiesa”. 

“I nostri padri e le nostre madri - ha aggiunto il Vescovo - ci hanno lasciato delle chiese meravigliose, con un coraggio e una fede incredibili. Sinodalità è confrontarci per costruire qualcosa insieme, che rimanga stabile nel tempo”. Qualcosa che sicuramente ci supera, nel tempo e anche nello spazio. Perché “le parrocchie non sono chiuse in se stesse, ma compongono la diocesi, e la diocesi non è chiusa in se stessa, ma fa parte della chiesa italiana e universale”.

Infine mons. Tomasi ha voluto riportare una frase di papa Francesco, per cui “è più importante mettere in moto processi piuttosto che occupare spazi”. Gli spazi, quando occupati, vanno capiti e vanno amati, mettendo del nostro tempo a disposizione. Ed è quello che la comunità di Giavera sta facendo. 

Tutti i diritti riservati
Giavera: verso la desiderata nuova chiesa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento