Montebellunese
stampa

Oltre 500 giovani alla Festa finale dei Grest della collaborazione

Centinaia di persone, fra bambini, ragazzi e adulti hanno partecipato e animato il Grest nelle parrocchie di Montebelluna, Contea e Busta ed erano oltre 500 i giovani e i giovanissimi che hanno preso parte alla Festa della collaborazione pastorale montebellunese, una realtà che sta sempre più crescendo e radicandosi nelle comunità.

Oltre 500 giovani alla Festa finale dei Grest della collaborazione

Lo sottolinea mons. Antonio Genovese, parroco di Montebelluna, Busta e Contea. “Sono stati difatti tantissimi - ci racconta don Antonio - i bambini che hanno trascorso tre settimane indimenticabili con i loro coetanei, con gli amici, con gli animatori, i sacerdoti e numerosi genitori tra giochi, tornei, laboratori, scenette, balletti, gite, uscite, compiti e momenti di festa. Gli obiettivi e le linee sono stati comuni ma poi in ogni singola parrocchia - in Duomo l’iniziativa era seguita da don Luca e a Busta-Contea da don Emanuele -  il Grest si è caratterizzato per le sue peculiarità, i suoi aspetti distintivi e le sue tradizioni”.
La grande festa dello scorso 30 giugno in Parco Manin a Montebelluna, ha visto tutti assieme bimbi e ragazzi dei Grest delle parrocchie del Duomo, Busta, Contea, Biadene, Caonada, Guarda, San Gaetano e Caerano di San Marco, unite nel cammino della collaborazione.
“Nell’esperienza del Grest - mette in luce don Antonio - gli animatori sperimentano concretamente il mettersi al servizio con gratuità, generosità e amore dei più piccoli, il futuro delle nostre comunità. Questi ragazzi delle superiori si impegnano con grande dedizione, non si tirano mai indietro, sono infaticabili, felici, pronti a donare il loro tempo libero e soprattutto appaiono carichi di entusiasmo”.  
Di pari passo in queste settimane si stanno svolgendo, o stanno per iniziare, i campi scuola sia parrocchiali che vicariali, un esempio per mettere insieme forze ed energie, un’esperienza bella, coinvolgente e arricchente.
Del resto l’ottima riuscita del Grest e la buona partecipazione alle altre attività estive, conferma la vitalità delle parrocchie, manifesta il desiderio di collaborare a favore degli altri e di crescere come persone e come fedeli seguendo la Parola di Dio. “In tal senso - rivela il parroco - ricordo una recente, bella e forte esperienza sia spirituale sia culturale fatta con i componenti del Coro del Duomo a La Verna e ad Assisi. Un esempio di condivisione e di festa gioiosa. Il coro si è esibito nella Basilica superiore di Assisi e assieme abbiamo animato e allietato con il canto una Messa”. La frequenza qui alle celebrazioni liturgiche è alta, sono molte le famiglie giovani, numerose, con figli piccoli. “Si tratta di una cosa straordinaria, che mostra il coraggio di credere nel futuro attraverso i figli e che manifesta l’impegno consapevole di guardare fuori dal proprio orticello, di vivere concretamente il Vangelo nella vita di ogni giorno. E’ fondamentale per la Chiesa difatti educare alla vita evangelica e spirituale i bambini e i nuclei familiari, coltivare i valori cristiani, coinvolgendo i genitori nelle attività, rendendoli attivi e protagonisti di quella grande famiglia che è la comunità dei fedeli”. E la pastorale familiare, curata da don Luca, è l’ambito in cui il lavoro è più avanzato all’interno della collaborazione, così come un buon cammino si sta compiendo con la Pastorale giovanile: rimangono le specificità di ogni parrocchia, ma c’è il desiderio tangibile di mettere assieme esperienze comuni, con risparmio di energie e benefici per tutti.  

Oltre 500 giovani alla Festa finale dei Grest della collaborazione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento