Postumia
stampa

Quinto: il gruppo Chiarelli da start up a holding in otto anni

Da start up a holding di valore internazionale. E’ la storia del Gruppo Chiarelli, attivo nella componentistica industriale, promosso da Adalgisa e Claudio, due intraprendenti fratelli palermitani arrivati a Nordest.

Parole chiave: chiarelli (1), componentistica (1), quinto (28), imprenditori (14), start up (2)
Quinto: il gruppo Chiarelli da start up a holding in otto anni

Da start up a holding di valore internazionale. E’ la storia del Gruppo Chiarelli, promosso da Adalgisa e Claudio, due intraprendenti fratelli palermitani arrivati a Nord Est (per la precisione a Quinto di Treviso). Il 10 novembre alle 16 festeggia adesso gli otto anni di attività e si è dato una veste nuova, per valorizzare ancor meglio il business che ne ha decretato il successo, la componentistica industriale.

“Dopo aver lavorato a progetti per conto di Bmw, Audi e  Fiat – racconta Claudio Chiarelli - mi sono reso conto che la ricerca di uno specifico ricambio spesso era  un grosso problema dagli impatti notevoli per la produzione di queste aziende. La nostra idea è stata di creare un’impresa veloce nel dare risposte, snella nella struttura, nelle procedure e nei costi e con il know-how su tutta la componentistica per consentire di ridurre i costi di approvvigionamento di queste grandi realtà industriali risolvendone anche i problemi  di natura tecnica”.

Da qui nasce la Jaes (Japan American European Solutions S.r.l.), che oltre a supportare i suoi clienti industriali con la fornitura della ricambistica, con le sue competenze tecniche ha sviluppato al suo interno un network mondiale di logistica, che può spedire 1 kg come 1000 kg senza problemi, con quotazioni veloci e di qualità. Un network che diventa per aziende di ogni settore il referente per la ricambistica industriale idraulica, meccanica ed elettrica.

 “L’inizio? Tutto in salita. La nostra struttura un Pc in casa, nessun capitale da investire, nessun credito e pochissimi contatti ma tanta determinazione, volontà e soprattutto idee chiare sul business da perseguire. Il capitale iniziale è stato di 30mila euro e per i primi tre anni decidemmo di lasciare tutti gli utili in azienda. Nel 2010 siamo diventati S.r.l. e l’anno dopo abbiamo chiuso con  un fatturato di 600mila  euro; nel 2012 riusciamo a lavorare con nuovi clienti americani, con un servizio che includeva anche lo sdoganamento della merce, e in quell’anno riuscimmo anche ad affittare il primo ufficio. A fine del 2014 abbiamo sviluppato il nostro sito, fotografando tutti i ricambi che vendevamo e traducendo in 5 lingue diverse. Inoltre, abbiamo creato un traduttore di supporto per i vocaboli e questo ci ha permesso di essere notati da Google come sito interessante e da premiare”.

Oggi la Jaes fattura circa 11 milioni di euro con 20 collaboratori diretti e ha al suo fianco altre due società del Gruppo Chiarelli con idee di business e progetti diversi e ambiziosi : la Inside Web Company S.r.l., start-up proiettata sul digital marketing attraverso la realizzazione di  foto e video di componentistica industriale. Ha creato un software per portare in video i cataloghi delle aziende e sta lavorando su impianto per automatizzare la generazione dei video. L’altra impresa è la Magazzino Logistica Outsorcing S.r.l., start-up che punta alla realizzazione di un magazzino automatizzato.

Fonte: Comunicato stampa
Quinto: il gruppo Chiarelli da start up a holding in otto anni
  • Attualmente 5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 5/5 (1 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento