Postumia
stampa

Tra Santa Cristina e il "suo" parroco mons. Tognana ribadito un legame indissolubile

In occasione della data del suo compleanno (Tognana è nato a Treviso l’11 febbraio 1872) e del 60° anniversario dalla sua morte (avvenuta a Santa Cristina il 18 febbraio 1958), la comunità cristiana di Santa Cristina si è riunita in entrambe le scorse domeniche per due rispettive messe solenni in onore del suo pastore.

Parole chiave: mons. guido tognana (1), tognana (1), don tognana (1), santa cristina (7)
Tra Santa Cristina e il "suo" parroco mons. Tognana ribadito un legame indissolubile

Si scrive Santa Cristina, si legge monsignor Lorenzo Tognana. E viceversa. Il legame tra il paese in riva al Sile e il parroco che l’ha guidato per ben 57 anni è indissolubile. Così, in occasione della data del suo compleanno (Tognana è nato a Treviso l’11 febbraio 1872) e del 60° anniversario dalla sua morte (avvenuta a Santa Cristina il 18 febbraio 1958), la comunità cristiana di Santa Cristina si è riunita in entrambe le scorse domeniche per due rispettive messe solenni in onore del suo pastore. La prima, lo scorso 11 febbraio, è stata animata dalla storica corale “Peron” di Trebaseleghe, mentre la seconda dal coro parrocchiale di Santa Cristina. Proprio questa seconda celebrazione è stata segnata da un particolare momento di devozione da parte dei parrocchiani. La comunità si è infatti recata in pellegrinaggio alla tomba di Tognana, che dal 1973 si trova in una cappella laterale della chiesa parrocchiale, a pochi passi dalla preziosa pala d’altare di Lorenzo Lotto, dove è stato svolto un piccolo momento di preghiera.
“Sono state due cerimonie semplici ma davvero sentite”, ha spiegato il parroco don Roberto Stradiotto, che assieme ad alcuni laici ha curato anche la pubblicazione di un fascicolo in ricordo di Tognana distribuito a tutte le famiglie. “Era giusto trovare un’occasione per ricordare la figura e l’opera di questo sacerdote che per molti anni si è dedicato alla nostra comunità”, ha aggiunto. Una dedizione attenta e sostenuta da grande fede quella di Tognana, passata sia attraverso la cura spirituale che quella fisica. Tognana è infatti conosciuto ancora come il parroco erborista e negli ultimi anni, per ricordarne anche questo aspetto che molto ha lasciato ai suoi parrocchiani, a Santa Cristina è nata anche un’associazione che porta il suo nome.
Don Lorenzo Tognana, infatti, fin dalla sua nomina a parroco di Santa Cristina - arrivata nel 1901 dopo alcuni anni come cappellano del Prevosto di Montebelluna - si è attivato con instancabile fervore a sostegno della sua gente. Dalla banda musicale all’istituzione di tutti i rami dell’Azione cattolica, dalla fondazione di due congregazioni alle scuole diurne e serali di cultura religiosa, agricoltura e igiene. Poi, come detto, la cura dei bisognosi attraverso l’idroterapia e le erbe e, ancora, l’indirizzo alla vita religiosa. Sono oltre settanta le donne indirizzate agli ordini religiosi durante il suo ministero a Santa Cristina, otto i sacerdoti e quattro i missionari consacrati. Poi, ancora la costruzione della nuova chiesa, la realizzazione dell’asilo, la sala teatro e il cimitero, il nuovo ponte sul Sile e l’impegno nella Cassa rurale, fino alla costruzione della nuova canonica e delle aule del catechismo.
Di fatto, una comunità intera che per anni è ruotata attorno al suo pastore, ponendo pietre solide alla base del futuro. E per questo, anche a distanza di tempo, si è ritrovata per pregare e ringraziare.

Tutti i diritti riservati
Tra Santa Cristina e il "suo" parroco mons. Tognana ribadito un legame indissolubile
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento