Postumia
stampa

Un nido per le cicogne all'Oasi Cervara

Terna, gestore della rete elettrica nazionale, ha installato sui suoi sostegni elettrici presenti nella riserva naturale due grandi nidi metallici, per invitare alla sosta e permettere la nidificazione della sempre più numerose cicogne selvatiche.

Parole chiave: terna (2), santa cristina (7), quinto (30), oasi cervara (6), cicogne (5)
Un nido per le cicogne all'Oasi Cervara

Sabato 17 e domenica 18 febbraio, nell’Oasi Cervara, Terna, gestore della rete elettrica nazionale, ha installato sui suoi sostegni elettrici presenti nella riserva naturale due grandi nidi metallici, per invitare alla sosta e permettere la nidificazione in sicurezza della sempre più numerose cicogne selvatiche che sorvolano la nostra provincia. Si uniscono così i progetti delle due società (Terna ed Oasi Cervara) in un “accordo” di salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità.
Dalla primavera del 2009, grazie a Fondazione Cassamarca e alla collaborazione del Comune di Quinto, proprietario dell’area, l’Oasi ha infatti avviato il progetto “Un nido per la cicogna”, il cui scopo è invitare il reinsediamento della specie cicogna bianca all’interno dell’Oasi e dei territori a vocazione agricola che abbracciano l’alto corso del Sile.
All’interno della grande voliera nell’Oasi, nella primavera del 2010 si sono registrate le prime nascite in cattività (tre pulcini) e dal 2011 è stata attrezzata una nursery nella quale ogni primavera vengono accuditi ed allevati a mano i pulcini nati in voliera.
Dal 2011 ad oggi sono stati allevati una trentina di cicognini (ogni primavera da 4 a 6). Oggi sono presenti presso il centro 12 esemplari di cicogne in cattività e un numero variabile di cicogne libere che oscilla stagionalmente tra i 6 e i 10 individui ogni anno.
Nella primavera del 2017 una coppia di cicogne ha allestito un suo nido naturale sul sostegno elettrico vicino alla voliera e qui, sotto lo sguardo stupito dei visitatori, ha nidificato con successo permettendo l’involo di 3 giovani cicogne che nel mese di settembre hanno poi lasciato l’oasi, probabilmente dirette verso l’Africa. Da qui, l’azione concreta della predisposizione di due piattaforme per cicogne sui tralicci presenti nell’Oasi.
A livello nazionale, il progetto “Nidi sui tralicci” promosso da Terna, ha consentito di installare negli ultimi anni circa 400 cassette nido di cui oltre 100 in aree protette a beneficio di numerose specie di volatili tra cui gheppio, falco pellegrino, assiolo, cuculo, ghiandaia marina, chirottero, cicogna. Il loro costante monitoraggio, effettuato da gruppi di ricercatori (coordinati da Università e enti di ricerca privati e pubblici), ha consentito di raccogliere numerosi dati biologici ed etologici e di riscontrare un effetto positivo in termini di biodiversità.

Fonte: Comunicato stampa
Un nido per le cicogne all'Oasi Cervara
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento