Sandonatese
stampa

A Meolo la biblioteca comunale sperimenta il servizio a domicilio

Dal mese di novembre, e finché non riaprirà, grazie all'aiuto dei volontari della Protezione civile, sarà possibile scegliere il proprio libro dal catalogo online e riceverlo a casa. Le richieste sul portale regionale, mail o telefono

A Meolo la biblioteca comunale sperimenta il servizio a domicilio

Sono tempi strani quelli che il Covid-19 ci impone, cambiano i nostri ritmi di vita e le nostre priorità, sono sconvolte le nostre abitudini anche nei gesti più banali come prendere in prestito un libro in biblioteca. In questi giorni, in cui è preferibile o si è obbligati a rimanere in casa, il piacere di una buona lettura è sicuramente un modo per evadere dal quotidiano e viaggiare almeno con la fantasia.

Cosa fare allora se per disposizione di legge, necessaria a contrastare l’emergenza epidemiologica, anche le biblioteche sono costrette a chiudere al pubblico? A Meolo, già dal mese di novembre, è stato attivato il «prestito a domicilio», con l’aiuto dei volontari della Protezione civile, e rimarrà attivo in tutti i periodi in cui per problemi sanitari la biblioteca sarà costretta alla chiusura al pubblico.

Come funziona questo servizio? “In realtà il sistema è abbastanza semplice - spiega la responsabile Sabrina Carnio -, l’intero catalogo della biblioteca è on-line già dal 2012”.

Per coloro che sono registrati nel portale BinP-Biblioteche in Polo della Regione Veneto la richiesta del prestito può essere effettuata normalmente all’interno del proprio spazio personale. In alternativa, ci si può collegare direttamente all’elenco dei libri della biblioteca e visionare le novità, cercare un titolo già conosciuto o valutare, digitando il nome di un autore, le sue opere disponibili attraverso il link https://bimetrove.regione.veneto.it/SebinaOpac/.do?pb=VIAMW.

La richiesta dovrà essere poi inoltrata via mail all’indirizzo: biblioteca@comune.meolo.ve.it specificando i propri dati personali. Un altro modo per richiedere il prestito è telefonare direttamente in biblioteca al numero 0421-61018 il giovedì mattina dalle 9.30 alle 12.30.

Prima di essere presi in carico dai volontari della Protezione civile per la consegna, i libri prenotati sono inseriti in singole buste di plastica che contengono all’interno una ulteriore altra busta per la restituzione. La distribuzione avviene solo il sabato mattina e continuerà con cadenza settimanale fino alla riapertura della biblioteca. Il servizio è molto apprezzato dai meolesi e utilizzato da utenti di tutte le età. Ma che fine fanno i libri una volta riconsegnati ai volontari della Protezione civile per la restituzione? “I libri resi sono sistemati in un ambiente adibito appositamente in biblioteca per la quarantena ancora all’interno della busta di plastica - ci informa sempre Sabrina - e lasciati lì per sette giorni al termine dei quali una volta tolti dalle buste saranno nuovamente disponibili al prestito”.

Tutti i diritti riservati
A Meolo la biblioteca comunale sperimenta il servizio a domicilio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento