Sandonatese
stampa

La Caritas di San Donà in aiuto alle famiglie

Accanto a quella avviata ormai da più di cinque anni di sostegno a distanza, dai primi mesi del 2013 la Caritas ha lanciato l’iniziativa “Sostegno a vicinanza”. Il fondo di solidarietà raccolto è stato utilizzate dal centro di ascolto

Parole chiave: san donà (297), poveri (67), caritas (223), famiglie (95), povertà (70), solidarietà (111)
La Caritas di San Donà in aiuto alle famiglie

A fine anno la Caritas parrocchiale del Duomo di San Donà di Piave ha presentato un resoconto delle due iniziative di sostegno alle situazioni di disagio vicine e lontane promosse e gestite dall’organismo pastorale.
Accanto a quella avviata ormai da più di cinque anni di sostegno a distanza, dai primi mesi del 2013 la Caritas ha lanciato l’iniziativa “Sostegno a vicinanza”. Il fondo di solidarietà raccolto è stato utilizzate dal centro di ascolto, che da maggio a dicembre, oltre alle attività di ascolto e orientamento, ha aiutato alcune famiglie in difficoltà economica.
Tante le situazioni sostenute: sono state pagate le rate arretrate dell’affitto evitando lo sfratto dall’appartamento o alcune bollette arretrate evitando così il distacco delle utenze a diverse famiglie, sia italiane che straniere, alcune anche con tre e quattro figli, e con genitori che magari avevano perso il lavoro a causa della crisi economica, o in cassa integrazione o senza un lavoro stabile e quindi senza nessuna o con saltuarie entrate economiche, non sufficienti per affrontare le molte spese quotidiane.
Sostegno per le rette
Aiutate anche alcune famiglie i cui bambini frequentano il doposcuola a Casa Saretta, e che a causa delle difficoltà economiche, non sono in grado di pagare le rette. Oltre al beneficio scolastico, la frequenza del doposcuola permette ai genitori di usufruire di tempo per dedicarsi al lavoro. Con il fondo “sostegno a vicinanza” sono state pagate le rette per quattro di questi bambini. Nel complesso, da maggio a dicembre, a fronte di entrate per 8.140 euro, sono stati utilizzati per il pagamento di affitti e bollette 7.313,77 euro, con un saldo positivo di 826,23 euro che verrà riportato nel 2014 per continuare a sostenere altre situazioni di disagio che si dovessero presentare. Per maggiori informazioni rivolgersi alla segreteria Caritas e al Centro di ascolto Caritas presso Casa Saretta via Pralungo n.12 (tel. 3482962235) aperto il martedì (9.30-11.30) e il mercoledì (dalle 18 alle 19.30).
Adozioni a distanza
Con l’avvio dell’iniziativa del sostegno a vicinanza, sono ovviamente diminuite le somme raccolte a favore del sostegno a distanza che negli anni scorsi si aggiravano sopra ai ventimila euro. Nel 2013, invece, le offerte raccolte dagli operatori della Caritas direttamente in chiesa ogni seconda domenica del mese, dopo le messe del sabato sera e della domenica mattina per i progetti in Myanmar, Cile, Brasile e Birmania (avviato solo negli ultimi mesi) sono state di 12.095 euro.
Nel dettaglio, per le case per bambini orfani o poveri gestite dalle Suore della Riparazione del Cfp S.Luigi in Myanmar la cifra raccolta è pari a 4.930 euro. “Tale somma, scrive Sr. Martha, è stata utilizzata per acquistare riso, vestiti, materiale scolastico, pagare la tassa per le medicine e altre necessità simili per i 34 bambini che vivono al Bawide Convent e non solo. Ci sono, infatti, anche famiglie molto povere che, pur non affidando i loro bambini alle suore, ad esse si rivolgono per avere qualcosa da mangiare.”
Per l’asilo doposcuola “Beija-flor” gestito dalle Volontarie della Carità del Piccolo Rifugio in Brasile la cifra raccolta è stata di 1.785 euro. I bambini e i ragazzi di Massaranduba, quartiere tra i più poveri di Salvador de Bahia, dove operano anche le Volontarie della Carità di Lucia Schiavinato, hanno una nuova scuola ed una nuova casa. La parrocchia di Nossa Senhora da Piedade, con il parroco Don Luca Niccheri, infatti ha aperto il centro “Beija-flor”, cioè colibrì, per accogliere bambini e ragazzi dai due ai diciotto anni, in cui le Volontarie della Carità sono direttamente coinvolte.
Per la Fondazione “Aiuto e Amore” in Cile la cifra raccolta è stata di 5.200 euro, inviata direttamente a Padre Sergio Teker che ne è il presidente. La Fondazione “Aiuto e Amore” attualmente ospita nella casa-famiglia di Achao 18 persone tra bambini e ragazze, dati in affido alla fondazione perché abbandonati o con famiglie con grave disagio sociale. Attraverso la sua famiglia padre Sergio ci ha inviato un particolare ringraziamento perché ricevere un sostegno sia con la preghiera, sia economico, utilizzato per le spese di vitto, abbigliamento e trasporto, proprio da parte delle persone della sua parrocchia d’origine ha contribuito a dargli forza per continuare la sua missione.

La Caritas di San Donà in aiuto alle famiglie
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento