Sandonatese
stampa

San Donà: varianti più facili per le imprese

Ottenere, in deroga, i permessi per la riconversione di un capannone in un esercizio pubblico in meno di due mesi e senza costi amministrativi. O la possibilità di modificare la destinazione d’uso di un edificio dismesso. E’ il senso della circolare adottata dal Comune, attuativa di una norma del Decreto Sblocca Italia.

Parole chiave: burocrazia (6), zone industriali (4), san donà (402), imprese (48), urbanistica (29), cereser (11)
San Donà: varianti più facili per le imprese

Ottenere, in deroga, i permessi per la riconversione di un capannone in un esercizio pubblico in meno di due mesi e senza costi amministrativi. O la possibilità di modificare la destinazione d’uso di un edificio dismesso, recuperando l’intera volumetria. E’ il senso della circolare adottata dal Comune di San Donà di Piave, attuativa di una norma del Decreto Sblocca Italia del governo Renzi.

San Donà è tra le prime città in Veneto a prevedere varianti “veloci” in deroga al Piano regolatore. “L’obiettivo è sempre rilanciare il lavoro e l’edilizia senza nuovo consumo di suolo – spiega il sindaco Andrea Cereser –. In questa direzione già andava la variante al Piano degli interventi, approvata un anno fa, che ha riportato alla campagna 20 ettari di aree edificabili”.

Alle riqualificazioni è rivolto anche il nuovo strumento urbanistico, riconoscendone l’interesse pubblico. “L’attuazione di politiche di riqualificazione urbana e di recupero di edifici obsoleti costituisce un importante interesse pubblico, perciò ricade nella previsione di legge per la deroga al piano urbanistico – aggiunge il sindaco –. L’amministrazione comunale, quindi, si basa su strumenti legislativi esistenti per attuare una politica innovativa di contrasto al degrado urbano”.

Particolare attenzione verrà prestata alle riqualificazioni che prevedano una qualità progettuale sotto l’aspetto estetico e della riduzione dei consumi energetici. “La procedura prevede che tali varianti vengano adottate dal Consiglio comunale – spiega il sindaco –. I tempi, quindi, sono piuttosto brevi in quanto la richiesta si discute alla prima seduta utile”. Molto semplici le modalità di presentazione della richiesta, che va inoltrata per via telematica allo Sportello unico per le attività produttive. Nella relazione tecnica vanno precisati gli elementi di contrasto con il Piano urbanistico che determinano la necessità di deroga. La richiesta non prevede spese.

Un’altra recente decisione riguarda l’abbattimento degli oneri di costruzione per una serie di riqualificazioni edilizie. In pratica vengono più che dimezzati i costi per aprire un bar o un ufficio in centro, o per riconvertire un capannone in zona artigianale. “Per rilanciare il lavoro e la riqualificazione della città, l’amministrazione rinuncia a una parte degli oneri edilizi” sintetizza il sindaco.

I benefici maggiori vanno ai recuperi di edifici storici e in aree artigianali o industriali, ma vantaggi si possono avere anche se si decide di aprire un negozio in centro: ad esempio, per una conversione d’uso di un immobile di 100 metri quadrati in centro a bar, ristorante o palestra, si passa da una spesa complessiva di 9.500 euro a circa 5mila euro. Per la conversione di un capannone artigianale di 500 metri quadrati in zona Centro Piave, i costi di costruzione passano da circa 47mila euro a 25mila totali.

“Su alcune aree strategiche come la zona industriale di via Kennedy si arriva a riduzioni fino all’80%”, spiega Cereser.

Riduzione fortissima anche per le conversioni ad uso turistico, con l’aliquota dimezzata dal 10 al 5 per cento in tutte le zone della città, e un’ulteriore riduzione dell’1,5% nelle zone di Passarella, Chiesanuova e Caposile. Un rilancio in senso turistico di tutta l’area oltre Piave”. (R.R.)

San Donà: varianti più facili per le imprese
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento