Sandonatese
stampa

Ulss 4 e Avis si uniscono per sensibilizzare alla donazione di plasma iperimmune

Il plasma è utilizzato per la cura del Covid 19. Il bacino di popolazione interessato a questa novità è costituito da circa 24 mila donatori Avis nel territorio della Città Metropolitana di Venezia. Chi intende donare può contattare i centri trasfusionali sul territorio

Ulss 4 e Avis si uniscono per sensibilizzare alla donazione di plasma iperimmune

Lo scorso 14 novembre, presso la sede centrale dell'Ulss 4, è stato presentato il nuovo sodalizio tra Azienda sanitaria e Avis: “Come sapete la Regione Veneto ha attivato una banca del plasma per raccogliere questa preziosa risorsa; le donazioni arrivano ma non sono sufficienti a soddisfare tutte le richieste – ha spiegato il direttore generale Carlo Bramezza -. Abbiamo allora pensato di chiedere la collaborazione dell'Avis provinciale di Venezia che può contare su un ampio numero di associati. La collaborazione tra Avis e il centro trasfusionale dell'Ulss 4 valorizzerà ancor di più un territorio che da anni dimostra grande generosità, mi aspetto ora che tanti avisini, compatibili con i requisiti per donare il plasma, si facciano avanti e possano aiutarci a salvare tante persone in fin di vita”.

Chi intende donare il plasma iperimmune può contattare direttamente i centri trasfusionali dell'Ulss 4, posti negli ospedali di San Donà e Portogruaro, dove riceverà tutti i dettagli del caso.

“Il plasma iperimmune è una risorsa importante per la cura del Covid-19 – ha argomentato il direttore del servizio trasfusionale dell'Ulss 4, Raffaella Berti - . Attualmente viene utilizzato per terapie in fase di studio ma abbiamo già evidenti riscontri positivi nell’impiego dello stesso nella risoluzione della patologia”. “Allo stato attuale vi è una carenza di plasma – ha poi continuato la dottoressa Berti – a questo va aggiunto che i donatori sono selezionati perché devono rispondere a precisi requisiti, come ad esempio essere stati contagiati, sintomatici, e ad una serie di requisiti standard per le donazioni come età e peso, pertanto circa il 25 % dei contagiati può effettuare la donazione”.

Il servizio trasfusionale dell'Ulss 4 questa settimana ha avviato la valutazione di idoneità per 20 donatori  ai quali, la prossima settimana, si aggiungerà l’avvio della valutazione d'idoneità per altri 15 donatori. L’alleanza con Avis in questo contesto potrà essere vincente in quanto, come sottolineato dal direttore del centro trasfusionale dell'Ulss 4, “i donatori Avis sono già idonei alla donazione, sono già stati valutati per la donazione in Aferesi, conoscono il processo della donazione e sono predisposti a svolgerla con un grande spirito altruistico”.

Dall’Avis Provinciale di Venezia pieno appoggio all'iniziativa: "Siamo contenti di essere stati coinvolti dalla direzione dell'Ulss4 in questo progetto – ha dichiarato il presidente provinciale Tito Livio Peressutti - . Attraverso la collaborazione di tutte le comunali Avis del territorio faremo quanto possibile per aiutare l'azienda sanitaria a reperire quanto più plasma iperimmune possibile. Il coinvolgimento diretto dell'associazione è dei donatori che hanno superato la malattia permette di usufruire di persone abili e preparate alla donazione, un elemento in più per aiutare gli ammalati. Questa è la nostra missione e a maggior ragione, in questo momento difficile per tutti, Avis Provinciale e i donatori del territorio sono in prima linea a sostenere le necessità dell'azienda sanitaria Ulss 4 e i bisogni degli ammalati”.

Fonte: Comunicato stampa
Ulss 4 e Avis si uniscono per sensibilizzare alla donazione di plasma iperimmune
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento