Sandonatese
stampa

Veneto orientale: nasce la rete antiviolenza

San Donà capofila, coinvolti tutti i Comuni e le principali Istituzioni

Parole chiave: veneto orientale (36), rete (22), antiviolenza (4), san donà (390), donne (91)
Veneto orientale: nasce la rete antiviolenza

Nasce la rete antiviolenza sulle donne del Veneto Orientale. E’ stato infatti approvato dall’Amministrazione comunale di San Donà, a nome di tutti i Comuni della Conferenza dei sindaci del Veneto Orientale, il “Protocollo di rete per il contrasto alla violenza contro le donne e domestica”.

“Un traguardo che inseguivamo da tempo - dichiara la vicesindaca e assessora alle opportunità sociali Silvia Lasfanti che ha seguito da vicino l’intero iter -, perché i soggetti coinvolti a vario titolo sono tanti e ringrazio in particolare il prefetto di Venezia Vittorio Zappalorto e il suo staff per il supporto, e soprattutto per il prezioso lavoro svolto insieme alle forze dell’ordine”.
Procedure e ruoli più chiari e tempi più rapidi nei casi di violenza sulle donne: sono questi i vantaggi tangibile del protocollo, che velocizzerà i tempi di risposta delle istituzioni e uniformerà le migliori pratiche da adottare a seconda dei casi.

“Non è una semplice formalità - continua la vicesindaca Lasfanti - e recepisce lo schema-quadro della Regione Veneto. Se si considera che i soggetti coinvolti a vario titolo sono la Prefettura, la Questura, i comandi di Carabinieri e Guardia di finanza, le procure di Venezia e Pordenone coi rispettivi tribunali civili e penali, ordini degli avvocati e dei medici, la Città metropolitana e la consigliera di parità, l’Ulss 4 e i centri antiviolenza «La Magnolia» di San Donà e «Città Gentili» di Portogruaro, oltre al Centro educativo relazioni affettive (Cera), si comprende come il lavoro sia stato molto lungo. Ma il risultato è che abbiamo fatto un passo importante per strutturare la nostra rete territoriale e che chiarisce bene quali d’ora in poi sono le procedure, gli attori coinvolti e quali i rispettivi compiti e ambiti d’intervento”.

Inoltre, altro merito del protocollo, è “capitalizzare e rendere visibile l’ottima rete che i singoli addetti delle diverse istituzioni hanno già creato informalmente tra loro, fluidificando i vari passaggi anche quando, per esempio, ci sono avvicendamenti del personale incaricato di seguire le vittime di violenza - spiega la vicesindaca Lasfanti - perché ora ogni Istituzione saprà com’è organizzata la rete territoriale e a chi fare riferimento”.

Molto soddisfatto della nascita del protocollo antiviolenza anche il sindaco di San Donà Andrea Cereser: “Era fondamentale arrivare quanto prima alla firma di questo protocollo per il territorio del Veneto Orientale, anche per il ruolo che il documento assegna a tutti gli enti coinvolti sul fronte della prevenzione, ora tenuti a confrontarsi periodicamente. Il nostro impegno è sempre stato massimo, soprattutto nei confronti delle generazioni più giovani. L’auspicio, naturalmente, è che questo protocollo antiviolenza, ora che è formalizzato, debba essere applicato il meno possibile”.

Tutti i diritti riservati
Veneto orientale: nasce la rete antiviolenza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento