Treviso
stampa

A Treviso si sposta in bici uno su quattro

La bici sfida l'automobile: secondo una ricerca di Legambiente la nostra città è al quarto posto in Italia per gli spostamenti su due ruote. Sembrano dare i primi frutti gli incentivi messi in atto dall'Amministrazione.

Parole chiave: mezzi (4), bicicletta (35), treviso (1510), legambiente (25)
A Treviso si sposta in bici uno su quattro

ATreviso ci si muove sempre di più in bicicletta. A dirlo sono i risultati della ricerca di Legambiente, Rete Mobilità Nuova e bikeitalia.it sull’uso della bici nelle città italiane capoluogo di provincia pubblicati nel report “L’A Bi Ci della ciclabilità” che vede Treviso al quarto posto per spostamenti sulle due ruote.
Secondo i dati raccolti attraverso un questionario inviato ai Comuni e dunque autocertificato dagli stessi, in città si sposta quotidianamente pedalando il 25% della popolazione. Meglio del capoluogo della Marca solo Pesaro (30%), Bolzano (30%) e Ferrara (27%).
I trevigiani non hanno dunque nulla da invidiare in fatto di mobilità sostenibile ai cittadini delle grandi capitali europee, vantando performance ciclabili all’altezza degli altri paesi Ue.
Le rilevazioni sono state fatte chiedendo ai Comuni di indicare il “modal share” del proprio territorio, ovvero il tipo di mezzo utilizzato per gli spostamenti sistematici all’interno del centro urbano, mentre un secondo parametro è stato quello di calcolare i metri equivalenti di piste ciclabili. Questo criterio comprende diverse informazioni, dalle strade a velocità moderata (20/30 km/h) alle isole ciclopedonali e zone a traffico limitato, per arrivare a misurare la lunghezza (calcolata in metri per 100 abitanti) dei percorsi dedicati ai mezzi a due ruote.
Infine è stato elaborato un terzo indice, quello di ciclabilità, che misura la capacità delle amministrazioni di mettere a disposizione dei cittadini una serie di misure che favoriscano la mobilità ciclabile come ad esempio la presenza di piani volti ad incentivare gli spostamenti sulle due ruote o la presenza di bike-sharing (entrato anche a far parte del paniere Istat) e cicloparcheggi in interscambio.
Le politiche messe appunto dall’Amministrazione per incentivare la mobilità sostenibile sembrano dunque dare i primi frutti e l’ingresso di Treviso tra le capitali della bici sarà sicuramente un trampolino per spingere a continuare nella direzione intrapresa.

Un po’ diversa è invece la situazione nelle grandi città, che faticano ancora a lasciare spazio alle due ruote. Tuttavia “dai dati della ricerca emerge chiaramente un aumento dell’uso della bicicletta come vero e proprio mezzo di trasporto nelle città italiane – ha commentato Silvia Velo, sottosegretario all’Ambiente –. E’ del tutto evidente, quindi, l’esigenza delle amministrazioni locali e dello stesso ministero dell’Ambiente di promuovere a livello locale e nazionale la diffusione della mobilità ciclistica, sia per ridurre le emissioni di gas inquinanti nell’atmosfera, sia per sostenere un cambiamento delle abitudini dei cittadini. Siamo di fronte a una vera e propria rivoluzione culturale: alcuni paesi europei l’hanno colta diversi anni fa, sta all’Italia, adesso, sfruttare le opportunità che un mezzo come la bicicletta, a zero emissioni e senza costi di carburante, può offrire”.
Il cambiamento in atto non è da attribuirsi solo alla crisi economica, ma soprattutto, come ha spiegato il responsabile aree urbane di Legambiente Alberto Fiorillo, “ad un’insofferenza rispetto ad una quotidianità fatta spesso si ingorghi, stress, tempo perso e smog”. Utilizzare i pedali, più economici, veloci e rispettosi dell’ambiente, in questo contesto diventa dunque una scelta vincente rispetto all’automobile.
Il rapporto è stato presentato alla vigilia di VeloLove, festival nazionale del ciclismo urbano che si svolgerà tra maggio e giugno.

A Treviso si sposta in bici uno su quattro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento