Treviso
stampa

Bambini - anziani: a Borgo Cavour un incontro fecondo

Inaugurato il plesso unico delle scuole paritarie della Fondazione Collegio Pio X, dalla sezione primavera alle superiori. Una realtà sempre più aperta al territorio, che ora promuove anche l’incontro tra le generazioni con gli anziani della Casa di riposo delle suore Francescane

Parole chiave: collegio pio x (56), pio x (60), treviso (1562), suore francescane (4), casa di riposo (26), bonomo (7), gardin (191), anziani (99), bambini (57), generazioni (6)
Bambini - anziani: a Borgo Cavour un incontro fecondo

Parte in questi giorni il plesso unico delle scuole paritarie del Collegio Pio X. Il vescovo, mons. Gianfranco Agostino Gardin, accolto dal rettore del Collegio mons. Lucio Bonomo, ha inaugurato nei giorni scorsi la nuova sede della Scuola Primavera e dell’Infanzia nei locali ristrutturati in Borgo Cavour, fino all’anno scorso utilizzati dall’Università. Così, nella sede storica del Collegio Pio X le famiglie possono ricevere il servizio scolastico dalle classi dell’età minima fino al diploma di maturità, come ha spiegato dalla dott. Laura Catella, coordinatrice didattica. I 600 bimbi che hanno occupato i nuovi locali provengono dall’ex istituto Turazza. “Il Collegio si è raccolto in un unico polo scolastico - ha detto il rettore - e lo ha fatto in una strategia di apertura al territorio”.
Infatti, sezioni della Primavera e dell’Infanzia sono nella sede “Maria Bambina” entrata per prima nella grande famiglia del Collegio grazie alla collaborazione delle religiose. Mons. Bonomo ha poi richiamato le recenti convenzioni con H-Farm per l’IB Pio X International finalizzata a una sede provvisoria a Ca’ Tron, con il Gruppo Danieli di Buttrio per una sede distaccata della Primaria, e quella, più articolata, con Alessandro Benetton che ha acquisito palazzo Ancillotto in Borgo Cavour per collocarvi la sede di 21 Investimenti e prevede azioni di sostegno economico con borse di studio, di formazione e di alternanza scuola/lavoro. Infine, la collaborazione di questi giorni, con le Suore Francescane dell’adiacente Casa di Riposo per il progetto “Due mondi si incontrano: bambini e anziani stanno bene insieme”.
Prima del taglio del nastro e della benedizione dei locali, il Rettore ha ringraziato il Vescovo e la Diocesi per l’impegno, anche economico. Parole di plauso per il progetto sono arrivate dai rappresentanti delle Istituzioni presenti, in particolare il sindaco Giovanni Manildo e il vicesindaco Roberto Grigoletto, quelli dei genitori e degli insegnanti, gli ex allievi e la loro presidente Gaia Gottardo. I bimbi di alcune classi hanno offerto un bel canto e tutti i presenti, attraverso il varco fatto apposta nel muro divisorio tra il Collegio e la Casa di Riposo, sono passati nel giardino della Casa, accolti dalla Madre provinciale delle Francescane, suor Anna Maria Volpato, che ha ringraziato chi si è adoperato per l’avvio del progetto anziani/bambini.
Nel bel giardino della Casa è intervenuto il direttore dei Servizi Sociale dell’Ulss 9 dott. Pier Paolo Farronato ed è stato poi illustrato il progetto di contaminazione virtuosa tra le generazioni.
Il progetto è stato studiato e preparato per mesi da un gruppo guidato dal direttore dalla Casa Aurelio Schiavinato, che ha prestato attenzione ad esperienze analoghe. Nel 2013 a Seattle era stata avviata un’esperienza con il programma dell’Intergenerational Learning Center: nello stesso ambiente 400 anziani, con un’età media di 92 anni, e 125 bambini, dai tre ai cinque anni, hanno vissuto insieme per un intero anno scolastico. Un’esperienza veramente positiva. Il progetto trevigiano prevede già specifiche attività che vanno dal racconto al gioco, dal recupero dei mestieri a feste e passeggiate insieme, fino al coinvolgimento delle nonne con le loro ricette o dei nonni con l’arte del giardinaggio. A queste attività potranno partecipare anche i nonni dei bimbi del Pio X.
Il Vescovo ha sottolineato che è sicuramente un dono della vita il fatto che le generazioni vivano e crescano l’una accanto all’altra. Un dono che va valorizzato. Quel varco nel muro di cinta tra asilo e casa di riposo sarà un sentiero che i bambini costruiranno sempre più ampio, di comprensione della realtà, delle età e di loro stessi.

Fonte: Comunicato stampa
Tutti i diritti riservati
Bambini - anziani: a Borgo Cavour un incontro fecondo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento