Treviso
stampa

Ca' Foncello, diagnosticato caso di lebbra: ma nessun allarme

Zaia: "La situazione è totalmente sotto controllo e lo è anche grazie all’attenzione e alla velocità diagnostica dei medici di questo nosocomio". I medici:  "Questo tipo di patologia è a basso tasso di infettività e si trasmette solo con contatto diretto prolungato".

Parole chiave: lebbra (2), immigrazione (71), immigrati (157), zaia (178), ulss 9 (55), ca' foncello (95)
Ca' Foncello, diagnosticato caso di lebbra: ma nessun allarme

“Sono qui oggi all’Ospedale di Treviso per tranquillizzare tutti i Veneti e le molte mamme che mi hanno inviato mail preoccupate: la situazione è totalmente sotto controllo e lo è anche grazie all’attenzione e alla velocità diagnostica dei medici di questo nosocomio, che hanno rinvenuto questa patologia in un paziente ricoverato per tutt’altri problemi. Questo approccio, per il quale ringrazio l’ospedale ed i suoi sanitari, è di per sé stesso garanzia di sicurezza e attenzione”.
Lo ha dichiarato stamattina il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, intervenendo, con la direzione strategica dell’Ulss 9 e alcuni specialisti, alla conferenza stampa convocata a seguito del caso di lebbra diagnosticato ieri ad un cittadino bengalese di 37 anni, residente a Quinto di Treviso, inizialmente ricoverato per problemi cardiaci.
Questo tipo di patologia – hanno spiegato i sanitari – è a basso tasso di infettività e si trasmette solo con contatto diretto prolungato. Le terapie sul paziente stanno dando i risultati attesi e la profilassi sui contatti familiari è stata avviata.
“Ciò nonostante – ha detto Zaia – dobbiamo prendere realisticamente atto della possibilità, non escludibile a priori, che alcune malattie da tempo debellate possano riprendere vigore anche da noi e la salvaguardia della salute dei cittadini Veneti è un mio obbligo costituzionale. Per questo l’attenzione dell’intero sistema sanitario veneto rimane al massimo, sia sul piano della prevenzione che su quello della profilassi dove e quando necessaria”.

Il paziente bengalese era stato ricoverato per sintomatologia di tipo cardiologico in unita coronarica. E’ stato effettuato uno studio emodinamico e sulla base della sintomatologia sono state effettuate biopsie cutanee che, refertate dopo il tempo necessario, hanno dato esito di una forma di lebbra. In malattie infettive è iniziato trattamento specifico in accordo col centro di riferimento nazionale di Genova.
Si tratta, precisano i sanitari, di una malattia poco contagiosa che, sinora, la letteratura scientifica ha quantificato in una decina di casi l’anno in Italia.

Fonte: Comunicato stampa
Ca' Foncello, diagnosticato caso di lebbra: ma nessun allarme
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento