Treviso
stampa

Festival del fumetto: oltre trentamila presenze in città

Successo per il Treviso comic book festival. Funziona anche la nuova location nel chiostro dell'ex Umberto I. In aumento anche le vetrine disegnate, le presenze turistiche e la partecipazione ai laboratori.

Parole chiave: festival fumetto (1), comics (3), fumetti (7), treviso (1624), eventi (48), giunta manildo (223)
Festival del fumetto: oltre trentamila presenze in città

La conferma: oltre 30mila visitatori tra mostre, eventi e weekend, nonostante il cambio di location della mostra mercato. L'aumento: 223 vetrine disegnate, 333 presenze turistiche in carico direttamente al festival, oltre 150 autori presenti, più di 500 iscritti a workshop tra bambini, adulti e professionisti. Ma anche il supporto dell'Ambasciata Olandese e del Literature Dutch Foundation per la mostra estera, la collaborazione di 12 associazioni tra le quali Illustri di Vicenza, Nipponbashi, Cineforum Labirinto, Lago Film Fest, Oblique. Oltre 80 volontari coinvolti. In totale, quasi 5.300 libri a fumetti venduti in una settimana di festival, dalla preview del 19 settembre ai giorni clou del festiva, (27-28 settembre). Questi sono solo alcuni dei numeri del Treviso Comic Book Festival 2015 che si è rivelato un vero successo, secondo gli organizzatori.

Si legge nel comunicato diffuso dai promotori: "Una città invasa di gente proveniente da ogni parte d'Italia e del mondo. Eventi non solo di successo ma di pregio come la mostra olandese a Fondazione Benetton (record di presenze giornaliere per un evento anche nel 2015), quella dello Spazio Paraggi con gli artisti Nobrow il sabato tardo pomerigigo, 1.000 presenze in sole 4 ore di apertura, stessi numeri per Gusto Robusto a Ca' dei Ricchi il venerdì sera. E poi le code per le dediche ai vari Corteggi, Dr. Pira, Davide Toffolo alla mostra mercato".

È stata proprio la nuova sede Israa (ex Umberto I) la scommessa vinta dal Tcbf nel 2015: "Confermato e aumentato il numero di visitatori nonostante il cambio in poco tempo a causa dei lavori in Camera di Commercio, "da punto di domanda, l'Israa si è trasformata in punto esclamativo e possiamo dire davvero che è stata Wow! Parafrasando l'immagine coordinata di quest'anno giocata sulle onomatopee - commentano gli organizzatori del festival di fumetto e illustrazione giunto alla XII edizione. - il chiostro, il giardino, le sale dell'ex casa di riposo sono state invase da gente da ogni parte d'Italia e del mondo. Autori, appassionati, curiosi, famiglie, ragazzi, adulti, bambini. Erano 21 le case editrici presenti, tra le quali Bao Publishing del trevigiano Michele Foschini che per la terza volta consecutiva ha vinto il premio "Miglior editore" al Boscarato. E soprattutto, Boom delle autoproduzioni: oltre 50 nella speciale area self organizzata nella nuova sede”.

"Abbiamo dimostrato di essere una risorsa per la città - continuano gli organizzatori - i numeri e i riscontri ce lo confermano. Ora confidiamo in un supporto sempre maggiore, perché abbiamo mostrato come possiamo cambiare e colorare la città di Treviso per una settimana portando qui visitatori italiani e stranieri. Il direttore della biennale del fumetto di Haarlem, Tonio Van Vught, era qui e ci ha chiesto di organizzare tra tre anni una mostra di fumetto italiano ad Amsterdam. A questo punto ci sentiamo pronti per organizzare una grande mostra di fumetto a Santa Caterina o al Bailo".

Fonte: Comunicato stampa
Festival del fumetto: oltre trentamila presenze in città
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento