Treviso
stampa

M'illumino d'Impegno: il volontariato a Treviso

72 ore di servizi alla persona, tante diverse opportunità per i giovani trevigiani per avvicinarsi al mondo della solidarietà. Venerdì 12 alle 21 l'incontro con don Maurizio Patriciello, prete coraggio della terra dei fuochi. 

M'illumino d'Impegno: il volontariato a Treviso

Durante il fine settimana del 12, 13 e 14 febbraio la pastorale giovanile della diocesi di Treviso, in collaborazione con Caritas Tarvisina, operatori di strada, #31 Cento LabOratorio, comunità di Sant'Egidio, società di San Vincenzo De' Paoli e Progetto Carità della Collaborazione pastorale cittadina, promuoverà l'iniziativa di M'illumino d'Impegno volta a sensibilizzare i giovani sul tema del volontariato rivolto alla cura della persona.

Tra le attività proposte, e indirizzate soprattutto ai ragazzi delle scuole superiori, spicca l'incontro- testimonianza di venerdì 12 , alle 21 (nella chiesa di San Martino), con don Maurizio Patriciello. Il sacerdote è parroco a Caivano, uno dei comuni tra napoletano e casertano al centro della terra dei fuochi. Da diversi anni don Patriciello è impegnato per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema e per trovare aiuti, sostegno e soluzioni ai problemi della sua terra. Una terra devastata dall'inquinamento del suolo dovuto allo scarico materiali tossici e rifiuti industriali in discariche abusive spesso gestite dalla Camorra. Un luogo a lungo dimenticato dalle istituzioni dove terreni e falde acquifere avvelenate aumentano esponenzialmente i rischi per la salute pubblica. L'incontro sarà un'opportunità per riflettere con i ragazzi sul rispetto del bene comune e sui rischi dell'inquinamento.

Nei i tre giorni i giovani iscritti al progetto potranno mettersi al servizio di diverse realtà: intre case di riposo della città, con anziani nelle proprie abitazioni, presso strutture e centri per disabili come il Villaggio solidale della cooperativa Solidarietà a s. Bona e la casa famiglia Il Ponte. Servizi mensa, attività all'interno del carcere circondariale, dove si potrà entrare per una partita di calcio o per l'animazione della messa , di manovalanza, nonché di supporto allo svolgersi della manifestazione stessa. Una ventina circa i servizi attivati per le 72 ore di volontariato. Di fronte al supermercato Pam in piazza Borsa verrà effettuata inoltre la raccolta viveri, mentre nella piazza sarà presente anche il Ludobus di I Care. All'Immacolata invece il Librobus.

Altro momento di incontro è previsto per la serata di sabato 13 a san Martino dove grazie al supporto della comunità di sant'Egidio a partire dalle 18 si darà vita ad un momento di riflessione sulle guerre attualmente presenti nel mondo e di preghiera per la pace a cui seguirà il confronto e la festa con alcuni migranti e richiedenti asilo accolti da Caritas.

“Con queste iniziative – ha spiegato don Alberto Zanetti vicario della parrocchia di s. Martino che si occupa delle attività con i giovani delle parrocchie di Treviso – ci siamo posti l'obiettivo di educare i giovani all'attenzione e alla cura delle persone che ne hanno bisogno. La prospettiva pedagogica è quella, attraverso la conoscenza delle realtà attive sul territorio, di fornire gli strumenti per poter investire in un futuro che comprenda la solidarietà verso l'altro”.

M'illumino d'impegno si concluderà domenica 14 con i servizi di supporto per le celebrazioni del giubileo degli ammalati e delle persone disabili. Per informazioni è possibile consultare il sito www.pastoralegiovanile.it e la pagina Facebook M'illumino d'Impegno – Treviso.

M'illumino d'Impegno: il volontariato a Treviso
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento