Treviso
stampa

Treviso capitale del fumetto e dell'illustrazione

Il Museo Bailo apre le porte al Festival internazionale del fumetto e dell'illustrazione in programma in città dal 22 al 25 settembre. Paese ospite l'Inghilterra con una mostra alla Fondazione Benetton. E un omaggio al 40° del movimento punk

Parole chiave: Treviso (1566), fumetti (7), festival (74), Treviso Comic Book Festival (2)
Treviso capitale del fumetto e dell'illustrazione

Let's grow: dopo "Vado a vivere a Treviso" (2014) e "Artigiani 2.0" (2015), il Treviso Comic Book Festival sceglie di voler crescere e far crescere. "Let's grow" quindi è lo spirito e il tema dell'edizione 2016 del festival internazionale di fumetto e d'illustrazione in programma in tutto il centro storico del capoluogo, e non solo, dal 22 al 25 settembre, con una preview sabato 17 settembre e la mostra mercato il week end del 24 e 25 settembre.

Il lato internazionale del TCBF continua anche nel 2016 a portare il meglio del fumetto e dell'illustrazione mondiale a Treviso. A iniziare dal Paese ospite: dopo Portogallo e Olanda, tocca all'Inghilterra, con una mostra a Fondazione Benetton che vedrà esposte matite del calibro di Dave McKean, Sean Philips, Posy Simmonds e David Lloyd. Dall'Inghilterra viene Katie Scott, punto di riferimento per l'illustrazione botanica e zoologica, che con il suo stile rimanda all'immaginario di Ernst Haeckel e Albertus Seba ed è seguita e apprezzata in tutto il mondo. Inglese la casa editrice Nobrow, con la quale da tre anni il TCBF porta avanti un progetto di collaborazione che vedrà sbarcare in città il francese Vincent Mahè (famoso per il suo libro "750 years in Paris"), l'hawaiana Emily Hughes (illustratrice per l'infanzia) lo spagnolo Ricardo Cavolo (dall’inconfondibile stile pop), l'irlandese Luke Healy (fresco di pubblicazione con la sua prima graphic novel "How to survive in the north") e l'inglese Ben Newman, l'autore del famosissimo “Astrogatto” (pubblicato in Italia da Bao Publishing).

Quest’anno si festeggiano i 40 anni del movimento punk: a Londra un anno di eventi, a New York una mostra inaugurata al Queens Museum. Nella Marca, grazie a TCBF, l’anniversario sarà celebrato nella ritrovata Sala d'Arme di Porta Santi Quaranta con una personale di John Holmstrom, storico direttore di Punk Magazine e copertinista dei Ramones, che per l'evento arriverà a Treviso direttamente dagli USA. Inoltre, 40 autori italiani omaggeranno altrettanti grandi della storia del punk.

Non mancheranno infatti i maestri italiani. Con una mostra che metterà Manuele Fior, ultimo italiano a vincere il gran prix di Angouleme con "5.000 Chilometri al Secondo",  in parallelo con l’amato pittore dell'800 veneto Ippolito Caffi, il nuovissimo Museo Bailo aprirà le porte al TCBF. Ci sarà poi Paolo Bacilieri, due volte premio Boscarato, famoso per le sue graphic novel con Coconino tanto quanto per i suoi lavori su Bonelli, che presenterà in esclusiva un lavoro underground per Hollow Press. È già nell’Olimpo del fumetto per bambini e ragazzi Gud, romano, celebrato a Lucca con il suo "Timothy Top" per Tunuè. Gud sarà esposto nella sede ex Umberto I di Borgo Mazzini.

A breve anche tutte le novità sui altri grandi nomi ospiti, sulle nuove sedi espositive e sui tanti eventi in calendario a settembre. Per tutte le informazioni:

www.trevisocomicbookfestival.it e www.facebook.com/treviso.comic.book.festival

Fonte: Comunicato stampa
Treviso capitale del fumetto e dell'illustrazione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento