Stile di famiglia
stampa

I ragazzi "chiusi" in casa: la nostra priorità

Che cosa possiamo fare dunque noi come genitori di questi adolescenti in quarantena? Essere consapevoli dei danni che subiscono sul tono umorale, sulle relazioni, sulle regole, sull’apprendimento. Arginare, per quanto possibile, questi danni.

Parole chiave: stile di famiglia (3), famiglia (258), scuola (441), ragazzi (28), dad (5), coronavirus (930), covid-19 (165)
I ragazzi "chiusi" in casa: la nostra priorità

Sono tre milioni e mezzo gli adolescenti italiani a casa da scuola che ufficialmente seguono le lezioni in remoto, come era già successo a marzo di questo 2020.

Nonostante l’impegno di dirigenti e insegnanti per la dovuta sicurezza medica, i banchi a rotelle non sono serviti, poiché tutti gli studenti delle scuole superiori e una parte consistente della seconda e terza media starà al computer al 100%, trasformando di fatto la didattica digitale da integrata ad integrale.

Intanto l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) invita comunque gli Stati a misure “mirate e proporzionate”, ritenendo che le scuole debbano essere chiuse solo come ultima “ratio”, lì dove le istituzioni non riescano a tutelare la scuola e tutta la sua filiera, trasporti in primis.

L’Oms non vuol far dispetto ai ragazzi tirandoli giù dal letto presto, ma considera che milioni di adolescenti, a casa da soli, senza alcun supporto educativo diurno, possano diventare anche un problema sociale.

Dopo il primo lockdown sarebbe stato essenziale per gli adolescenti ripristinare la normalità con compagni e insegnanti, ovviamente adottando mascherina, distanziamento sociale, sanificazione di mani e ambienti, turni scolastici mattutini e pomeridiani, niente mense e trasporti in sicurezza.

E per il banco, pazienza, avrebbero potuto sedersi distanziati anche sul pavimento, pur di avere adulti significativi e coetanei in aula, giusto per non vivere di nuovo in camera come un hikikomori (termine giapponese che indica il “ritiro” dalla vita sociale, ndr).

Invece il messaggio agli adolescenti è stato: prima smettete di andare a scuola e solo dopo smettete con gli assembramenti al centro commerciale, mascherina sul mento. Inoltre, con la chiusura delle scuole e dello sport, i soggetti a minor rischio sono di fatto in lockdown, ma non lo sono le persone anziane o con patologie pregresse, che magari sono costrette ad andare a lavorare comunque.

Che cosa possiamo fare dunque noi come genitori di questi adolescenti in quarantena? Essere consapevoli dei danni che subiscono sul tono umorale, sulle relazioni, sulle regole, sull’apprendimento. Arginare, per quanto possibile, questi danni.

Posso non lasciarlo sempre solo a casa? Posso dargli dei piccoli incarichi in modo che non faccia un inverno in pigiama? Posso seguire qualche lezione insieme? Posso verificare la cronologia sul computer? Posso esprimergli la mia empatia e contemporaneamente aiutarlo a “tenere botta”? Posso non fare discorsi negativi davanti a lui e comunicare attesa fiduciosa? Posso dargli priorità nei fine settimana tralasciando altro? Posso fare con lui una camminata nella natura, visto che il covid ha chiuso i centri commerciali di domenica?

Infine, non illudersi che la sola trasmissione di contenuti in Dad (didattica a distanza) sia la soluzione, dal momento che l’esperienza, non il videolezionismo, produce apprendimento e le skills da mettere in curriculum.

Quando tutto sarà passato, la scuola non resti identificata con una serie di link interessanti e il Bel Paese torni ad essere bello per i suoi giovani, sul fronte scuola, come sul fronte lavoro.

Tutti i diritti riservati
I ragazzi "chiusi" in casa: la nostra priorità
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento