Viaggi e Pellegrinaggi
stampa

Amica Africa

Il diario di viaggio di Michele Guidolin, presidente del Consiglio comunale di Loria e direttore dell’ong Incontro fra i Popoli, che è stato in Ciad e in Camerun, nei luoghi insanguinati dai terroristi di Boko Haram

Amica Africa

Sedici giorni, 2 Paesi, Il Ciad e il Camerun. Questo il ritornello ricorrente in tutte le relazioni con parenti, amici e colleghi di amministrazione di Loria e della Marca Occidentale nelle due settimane antecedenti il giorno della partenza. Nonostante si tratti della mia quinta esperienza in terra africana e viaggi in compagnia di Leopoldo Rebellato, presidente dell’ong “Incontro fra i Popoli” qualche ansia in più del solito non manca. Si va infatti nelle zone tragicamente colpite dagli attentati kamikaze e i sequestri dell’organizzazione terroristica jihadista Boko Haram. Zona Rossa, fortemente sconsigliata agli Occidentali. “Non partite!” - il messaggio recapitatoci dall’Ambasciatrice italiana.
A N’Djamena, capitale del Ciad incontriamo Carmelle, ragazza brillante ma orfana, al secondo anno di Scienze dell’Educazione: i suoi studi da 9 anni sono resi possibili dal programma di sostegno a distanza di Incontro fra i Popoli. Si fila via in bus e dopo quasi 250 km si è a Bongor dove ci attende Caprosec, associazione ciadiana che gestisce in loco tutto il nostro programma di sostegno all’infanzia.
Martedì 20 ottobre, dopo mezz’ora di traversata con piroga a motore del fiume Logone, maestoso in conseguenza della stagione delle piogge che viene a terminare, è già Camerun. Visitiamo gli uffici e incontriamo il personale del Comitato diocesano di sviluppo e delle Attività sociali e caritative di Yagoua con cui già collaboriamo. Nei giorni successivi abbiamo a che fare pure con quelli di Maroua, Garoua e Ngaoundere, coprendo tutte le Diocesi del Grande Nord Camerun, una delle zone più in difficoltà del continente africano ma chiamata ad accogliere decine di migliaia di profughi provenienti dalla Nigeria. Solo il campo di Minawao, gestito dall’Onu, dove ci fermiamo per qualche istante, ne ospita 47.000. Tanti, troppi, donne e bambini: 6 scuole e 1 ospedale allestiti all’interno.
Obiettivo della visita ai Comitati diocesani è quello di creare sinergie, per cogliere, in favore della popolazione e dello spirito di mutua solidarietà e cooperativismo che la caratterizza, le opportunità offerte localmente dall’Unione Europea. Sviluppo rurale, idraulica e stimolo all’imprenditoria i campi di collaborazione passata, presente e futura.
A Maroua, capoluogo dell’Estremo Nord Camerun, apriamo una nuova collaborazione con l’associazione Aldepa, riconosciuta come “l’avvocato dei bambini e delle donne”. Ulteriore obiettivo della missione è infine quello di valutare il partenariato con l’associazione Tammounde – Speranza, con cui collaboriamo da sei anni e che, a nostro nome, sta concludendo due progetti.
Il primo, cofinanziato dalla Chiesa Valdese, ha permesso la costituzione di tre piccole imprese: una di fabbri, una di allevatrici di pecore e una scuola primaria che si fa pure impresa di produzione di prodotti da Moringa Oleifera. Quest’ultima, beneficiaria pure di un pozzo d’acqua a energia solare, 8 toilette e un percorso di animazione per insegnanti e 600 alunni sull’acqua potabile elemento di qualità della vita, vede gli alunni di quinta e sesta elementare prendersi cura di due piantine ciascuno. Piantine che fra un anno saranno sicura fonte di auto-finanziamento per la scuola.
Il secondo progetto, cofinanziato dalla Regione Veneto e sostenuto da una pluralità di enti e privati, vede l’alfabetizzazione in francese di circa 500 donne, la costruzione già conclusa di due “case delle donne”, il potenziamento nella capacità di produzione di reddito di 15 cooperative femminili, cui è concesso un microcredito. Tutte cooperative dedite ad attività agricole o artigianali.
Non bisogna prendere paura del terrorismo. La nostra presenza ha dato ancor più coraggio alla gente ed agli amministratori locali, sia nel fronteggiarlo, che nell’impegnarsi  a generare un futuro migliore a partire dalle proprie risorse umane e naturali. 

Amica Africa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento