Società e Politica

Approvare lo ius scholae significa estendere un diritto a quasi 97 mila studenti in Veneto, 877 mila in Italia. Ne parliamo con la neo consigliera di maggioranza veronese Veronica Atitsogbe

È l’appello agli enti locali trevigiani e veneti lanciato da Mariarosa Barazza, presidente dell’Associazione Comuni della Marca Trevigiana, in un convegno che si è tenuto giovedì 7 luglio al Sant'Artemio. Se ogni Comune della provincia di Treviso e del Veneto promuovesse una comunità energetica da un megawatt sarebbe coperto il 10% del fabbisogno energetico del nostro territorio.

Ospiti il Quartetto per il dialogo nazionale tunisino, premio Nobel per la pace, Moni Ovadia, Andrea Pennacchi, esperti di cambiamenti climatici e scelte di sostenibilità, di mutamenti economici e conseguenze per il nostro futuro. In mostra realtà artigiane di migranti presenti in Italia

Per la prima volta, esponenti di primo piano, dopo le sconfitte di Padova e Verona, hanno posto qualche interrogativo su Salvini. "Soprattutto - dicono alcuni di loro - vogliamo poter discutere, avere luoghi di dibattito. In questi due anni è cambiato il mondo"

Alcuni hanno scelto di fare ritorno in patria. Nel progetto Caritas sono attualmente 142 le persone accolte, tra cui 66 minori. Sono soprattutto donne con figli. L'estate servirà a capire, con incontri mirati, se il loro futuro sarà nel nostro Paese

Anche Vedelago si conferma per il quarto anno consecutivo il migliore tra i Comuni veneti sopra i 15mila abitanti. Maser è stato premiato come primo Comune nella categoria tra i 5 e 15mila abitanti, seguono Altivole e San Zenone degli Ezzelini. Nella categoria dei Comuni veneti più piccoli, sotto i 5mila abitanti, vince Monfumo con il 92% di differenziata.

“Va recuperata la dimensione spirituale e umana del lavoro - ha detto il vescovo Tomasi - ricordandosi la centralità della persona umana, che significa che se da un lato ognuno di noi ha una dignità inalienabile, dall’altro che non può esistere un sistema che annulli le persone. Esistono delle persone che lavorano, non il lavoro. Il sistema economico come quello sviluppato negli ultimi 40 anni è ormai impensabile".

Cominciano il 4 luglio ed andranno avanti per tutta l’estate fino alla ripresa delle attività scolastiche, i laboratori che Telefono Azzurro Treviso ha organizzato all’interno di diversi centri estivi trevigiani, rivolti dunque soprattutto a bambini e adolescenti tra i 10 e i 14 anni.

Non ci sono più medici di medicina generale. In Veneto, oggi, solo il 40% di questi incarichi è stato assegnato. Ogni curante, in provincia di Treviso, ha in media 1.569 pazienti, tra le cause della situazione anche lo stop alle medicine di gruppo e integrate. Ne parliamo con il dottor Brunello Gorini, segretario Fimmg Treviso

Che è anche crisi nel rapporto tra classe dirigente e "popolo". L'analisi del professor Paolo Feltrin, politologo

La clamorosa vittoria di Damiano Tommasi e del centrosinistra, a Verona (53,24%), è l’immagine dei ballottaggi di domenica scorsa. Il bilancio delle elezioni comunali, soprattutto alla luce, appunto, dei duelli del 26 giugno, vede una prevalenza del centrosinistra

Telefonano per chiedere il riempimento della piscina da giardino. I prelievi serali sono al massimo dell’anno, molti utilizzano l’acqua potabile per irrigare orti e giardini. Certo esistono le ordinanze dei sindaci, ma sono solo affisse all’albo e spesso non arrivano neppure sulla pagina web del Comune. C’è la siccità, ma i cittadini non sembrano rendersene conto, forse sono distratti, oppure semplicemente la risorsa idrica viene considerata infinita.

“Chiederemo di usare tutta l’acqua disponibile”. Non usa mezze misure il dottor Andrea Crestani, direttore dell’Associazione nazionale bonifiche irrigazioni (Anbi), del Veneto. “La campagna agricola ha il suo apice in questo periodo, tra giugno e metà luglio, ci giochiamo il raccolto di mais e poi dobbiamo partire con le piantumazioni orticole. Chiederemo questo a Venezia, all’Osservatorio permanente sugli utilizzi idrici delle Alpi orientali. Il Veneto è malato grave, la siccità ha distrutto molti raccolti”.

Il Forum veneto delle associazioni familiari è intervenuto il 23 giugno alla seduta della Quinta commissione permanente del Consiglio veneto, alla quale ha partecipato l’assessora regionale alla sanità e al sociale Manuela Lanzarin. Formulate tre proposte concrete.

Nei Vax point di Asolo, San Vendemiano e Villorba si potranno effettuare le vaccinazioni anti Covid-19 sia pediatriche sia degli adulti; nel Vax point di Ormelle, invece, solo vaccinazioni adulti.

Sono in corso riunioni per arrivare alla discussione in aula, calendarizzata a partire dal 29 giugno, e alla successiva approvazione di un testo condiviso. L'on. Brescia (relatore): "Chi sostiene questa legge crede nella scuola come motore di integrazione. E’ molto difficile dire che chi studia con i nostri figli non è italiano. In Veneto, il 14% degli studenti è di origine straniera e soprattutto il 72% di loro è nato in Italia, non ha mai conosciuto il Paese d’origine dei genitori”.

La Conferenza dei Sindaci dell'Ulss 2 Marca trevigiana, riunitasi oggi, ha visto il periodico aggiornamento delle Amministrazioni comunali sull’evoluzione della situazione dell’assistenza medica sul territorio.Tra le soluzioni il conferimento di incarichi provvisori e l'ampliamento delle possibilità di scelta.

Tenere sotto controllo il proprio contatore e segnalare immediatamente alla società eventuali consumi anomali; usi irrigui di orti e piante da giardino limitati alle strette necessità; chiudere quando è possibile i rubinetti nelle attività quotidiane igienico-sanitarie; installare i dispositivi frangi-getto che consentono il risparmio della risorsa idrica; azionare lavastoviglie o lavatrici solo a pieno carico. Sono alcuni dei consigli dati dalla società.

“Con l’escalation di siccità che si sta registrando in questi giorni, ogni minuto è sempre più prezioso. Non si può più aspettare; la situazione deve essere affrontata con massima velocità anche dal Governo. Ho scritto al Presidente del Consiglio sollecitando l’immediata dichiarazione dello stato di emergenza come avevo già richiesto ormai due mesi fa”.