Società e Politica
stampa

Alberi autoctoni antismog nei parchi e nei giardini per il benessere dei cittadini

Accordo Coldiretti e Anci Veneto per appalti green nei Comuni, agricoltori giardinieri per tutelare il verde pubblico.

Alberi autoctoni antismog nei parchi e nei giardini per il benessere dei cittadini

Il fatto che in Veneto la presenza di 10 mila ettari di bosco ornamentale in pianura garantisce l'assorbimento di 20 tonnellate di polveri sottili all’anno, annullando le emissioni di anidride carbonica prodotte dalla circolazione di 3500 automobili ha colpito relatori, amministratori e la platea presente giovedì 16 febbraio all’Orto Botanico per la firma dell’accordo tra Coldiretti e Anci Veneto per facilitare gli accordi tra amministrazioni comunali e imprenditori agricoli abituati alle buone prassi agronomiche. Lo sostiene Coldiretti che aggiunge anche che i i numeri potrebbero cambiare se i viali alberati di tiglio selvatico o la concentrazione di aceri nei centri urbani fosse più diffusa, gli effetti benefici aumenterebbero se nelle grandi rotonde al posto di piloni di cemento ci fossero frassini oppure olmi. “L’intesa si prefigge di  intervenire in modo strutturale contro lo smog – ha spiegato Pietro Piccioni direttore regionale in veste di moderatore per l’occasione - favorendo la diffusione di parchi e giardini nelle città. L’associazione agricola mette in campo i propri florovivaisti e i comuni si impegnano a dare priorità allo sviluppo delle aree green affidandole alle loro attenzioni. “Con questa firma entrambi i protagonisti contribuiscono al decoro del paesaggio e al benessere dei cittadini – ha sottolineatio Martino Cerantola presidente regionale – Coldiretti, inoltre, si rende disponibile anche per la formazione dei tecnici e degli addetti impegnati presso le amministrazioni pubbliche”.
In scaletta, prima della sottoscrizione, un convegno dal titolo “Un verde più nuovo dell’erba” che coinvolti i presenti in una discussione sul progetto di legge del consumo del suolo tra i prossimi provvedimenti al vaglio del Consiglio regionale. Coldiretti Veneto, in merito, si è già espressa dicendo “SI” al progressivo azzeramento del cemento e un secco “NO” ad infinite deroghe e norme transitorie che di fatto rendono nulla una legge che deve salvaguardare quello che rimane dopo aver sottratto intere campagne.
Nel saluto iniziale  Barbara Baldan prefetto dell’Orto Botanico di Padova ha contestualizzato l’iniziativa. A seguire al tavolo dei relatori si sono alternati Maria Rosa Pavanello Presidente Anci che ha assicurato la condivisione del progetto sul territorio, Alessandro Marata consigliere nazionale dell’ordine degli architetti che ha illustrato l’importanza dell’architettura paesaggistica per il benessere dell’uomo. Iacopo Giraldo imprenditore e vivaista ha confermato la competenza degli operatori dell’agricoltura a servizio dell’ambiente. Paolo Semenzato docente Università di Padova ha evidenziato il benessere delle piante per la salute della società. L’avvocato  Marco Boschiero dello studio legale di Barel, Malvestio associati ha approfondito la questione degli appalti e la contrattualistica per valorizzare gli attori locali.
 

Fonte: Comunicato stampa
Alberi autoctoni antismog nei parchi e nei giardini per il benessere dei cittadini
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento