Società e Politica
stampa

Arriva la vespa samurai contro la cimice asiatica

E' stata introdotta una nuova specie, considerata l'unica in grado di limitare la proliferazione eccessiva delle cimici asiatiche, che causano gravi danni all'agricoltura.E non c'è tempo da perdere...

Parole chiave: cimice asiatica (5), vespa samurai (1), agricoultura (1), danni (6), limitare (1)
Arriva la vespa samurai contro la cimice asiatica

“Non c’è più tempo da perdere: con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’apposito Decreto, arriva l’ok a procedere con la vespa samurai per limitare i danni causati dalla cimice asiatica che in Veneto ammontano a 100milioni di euro”. Lo dice Coldiretti sollecitando la Regione a intraprendere da subito i provvedimenti necessari all’immediata operatività. La notizia del testo che introduce le norme necessarie a prevedere i criteri per l’immissione sul territorio di specie e di popolazioni non autoctone, fortemente sollecitato dalla Coldiretti, arriva all’indomani del convegno di lancio della mobilitazione tenutosi a Orti di Bonavigo in provincia di Verona che ha visto la partecipazione di 800 agricoltori insieme ad amministratori pubblici, sindaci e autorità politiche.
Daniele Salvagno, presidente di Coldiretti Veneto ha chiesto il sostegno dei comuni perché la questione non è solo legata all’agricoltura, ma sta sfociando nell’economico, dove si segnala una perdita di reddito consistente. Dal punto di vista ambientale preoccupa l’abbandono di determinate colture e con il taglio di piantagioni storiche per cercare di limitare l’invasione che presto, però, si sposterà nei centri abitati interessando anche la comunità.

Fonte: Comunicato stampa
Tutti i diritti riservati
Arriva la vespa samurai contro la cimice asiatica
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento