Società e Politica
stampa

Avvicendamento alla guida dei Comuni della Marca: il bilancio di Barazza

La sindaca di Cappella Maggiore fa un esame del suo operato: "Sei anni positivi, ora Pnrr e Comunità energetiche"

Parole chiave: mariarosa barazza (13), comuni della marca (3), comunità energetiche (4), pnrr (32)
Avvicendamento alla guida dei Comuni della Marca: il bilancio di Barazza

“Sei anni positivi, che mi hanno fatta crescere molto anche come persona, oltre che come amministratrice. E spero, a mia volta, di aver dato qualcosa”. Mariarosa Barazza, sindaca di Cappella Maggiore, traccia un bilancio positivo della sua esperienza alla guida dell’Associazione Comuni della Marca trevigiana.

Quando arrivò, questa realtà attraversava un momento non facile, non era scontato che venisse percepita da tutti i sindaci come rappresentativa, alcuni primi cittadini della Lega se n’erano andati.
Ora, invece, l’associazione ha riacquistato centralità: “Abbiamo rilanciato i temi della rappresentatività, del sostegno alle istanze dei sindaci, ma anche dei servizi. Sono stati anni tumultuosi, pensiamo solo alla pandemia. Abbiamo cercato di essere vicini a tutti, dando nuovi servizi, facendo funzionare il Centro studi, che è stato aperto a diversi mondi”.

E poi, “se le cose funzionano meglio, si diventa più attrattivi. E’ stato importante il ricorso presentato e vinto da 44 Comuni, rispetto al taglio dei trasferimenti statali al Fondo di solidarietà. In tal modo, abbiamo portato a casa 24 milioni di euro. Si tratta di risultati concreti, come quando è stata fatta la battaglia per tenere aperti gli uffici postali nei paesi”.
Altro tema centrale è quello della formazione: “Abbiamo cercato di ritagliarla su misura, per il personale, per gli amministratori e per i volontari, come per esempio quelli della Protezione civile”.

Il lavoro, del resto, continua, dato che Mariarosa Barazza è entrata nel nuovo direttivo come vicepresidente, proprio a garanzia di continuità e di unitarietà di gestione tra le diverse sensibilità politiche.
“Sappiamo bene - afferma - che il prossimo sarà l’anno decisivo per il Pnrr. Sarà necessario un grande lavoro di squadra, e insieme un forte supporto di carattere formativo e amministrativo al personale, considerando anche che la gran parte dei Comuni è sotto organico”. Ma ci sono anche altre sfide, altre possibilità per le Amministrazioni comunali: “Penso, in particolare, alle Comunità energetiche, che hanno ricevuto da poco la propria configurazione legislativa. Nelle scorse settimane, abbiamo promosso un convegno per approfondire questa opportunità. E’ impegnativo avviarle, ma possono portare importanti cambiamenti, sono una grande opportunità”.

Facciamo notare alla presidente uscente che pochi risultati, invece, sono stati ottenuti sul fronte delle Unioni di Comuni e delle fusioni, anche in rapporto ad altre province del Veneto. “In parte è vero - spiega -, l’unica Unione effettivamente decollata è quella della Marca Occidentale, nella Castellana, mentre l’unica fusione è quella che ha dato vita a Pieve del Grappa. A mio avviso, però, la stessa esigenza di unire le forze ha trovato altre strade, forse più adeguate ai tempi. Il lavoro di squadra è necessario e si è rivelato molto utile sui singoli progetti, sono cresciute forme di progettazione su area vasta. Lo abbiamo visto anche per il Pnrr. I Comuni sotto i 15 mila abitanti hanno dovuto unirsi per poter partecipare ai bandi sulla rigenerazione urbana, e questa cosa è stata fatta con successo in vari casi. Insomma, più che alle Unioni, che non è facile avviare, si è pensato a un lavoro di squadra in ambiti concreti”.

Tutti i diritti riservati
Avvicendamento alla guida dei Comuni della Marca: il bilancio di Barazza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento