Società e Politica
stampa

Azzardo, ancora un rinvio per l'intesa tra Comuni, Regioni e Governo

Così il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, commenta il rinvio. "Il nostro obiettivo- sottolinea- è dimezzare sostanzialmente il numero delle macchinette e ridurre di un terzo i punti gioco".

Parole chiave: azzardo (28), gioco d'azzardo (28), ludopatia (30)
Azzardo, ancora un rinvio per l'intesa tra Comuni, Regioni e Governo

Ennesimo rinvio per le linee guida sul gioco d'azzardo a cui lavorano da mesi regioni, comuni e governo. La presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, spiega che è stato chiesto in conferenza unificata "un rinvio di una settimana. Ci sono approfondimenti chiesti da alcune regioni, tra cui la Puglia. Personalmente credo che le restrizioni siano opportune". Il presidente della Puglia, Michele Emiliano, si dice "molto perplesso. Solo noi abbiamo chiesto approfondimenti perche'' temiamo che le lobby si siano infilate nel testo squilibrandolo. Abbiamo chiesto modifiche irrinunciabili, se la prossima settimana non verranno accolte il parere rischia di saltare", avverte. "Sono stati chiesti ulteriori approfondimenti; siamo vicini, spero, ad avere un quadro di riferimento nazionale". Così il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, commenta il rinvio. "Il nostro obiettivo- sottolinea- è dimezzare sostanzialmente il numero delle macchinettee ridurre di un terzo i punti gioco".

In vista della Conferenza unificata Stato Regioni, il sindaco di Genova, Marco Doria, ieri ha scritto al collega primo cittadino di Bari, e presidente di Anci, Antonio Decaro per chiedere di "esprimere parere contrario a qualsiasi norma di legislazione statale a favore del gioco d’azzardo". In particolare, Doria si riferisce alla proposta che istituirebbe una categoria di sale da gioco sottratta, come zona franca, alle normative e alle disposizioni delle istituzioni locali. "Il Comune di Genova - ricorda il sindaco - e’ stato nel 2013 il primo grande comune italiano a emanare un regolamento per contenere la diffusione del gioco d’azzardo sul proprio territorio e il suo esempio e’ stato seguito da tante grandi e piccole amministrazioni italiane". Nella lettera, Doria ricorda che "Genova ha affrontato finora vittoriosamente decine di ricorsi che miravano a contrastare una disciplina rigorosa del fenomeno fondata sulle esigenze espresse dal territorio. Ha iniziato in questi anni a registrare una contrazione dell’azzardo in citta’ con soddisfazione della cittadinanza e delle tante associazioni che lavorano per contrastare la ludopatia". Il sindaco arancione chiede, dunque, ad Anci di "farsi interprete di questo importante impegno e salvaguardare le prerogative e le potesta’ delle autonomie locali, a maggior ragione in una battaglia di civilta’ e sanita’ pubblica rilevante come questa".

Fonte: Redattore Sociale
Azzardo, ancora un rinvio per l'intesa tra Comuni, Regioni e Governo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento