Società e Politica
stampa

Ballottaggi: Tommasi conquista Verona, il Veneto torna "in gioco"

La clamorosa vittoria di Damiano Tommasi e del centrosinistra, a Verona (53,24%), è l’immagine dei ballottaggi di domenica scorsa. Il bilancio delle elezioni comunali, soprattutto alla luce, appunto, dei duelli del 26 giugno, vede una prevalenza del centrosinistra

Parole chiave: tommasi (1), verona (10), elezioni (301), comunali (63), amministrative (50), ballottaggi (9), veneto (539)
Ballottaggi: Tommasi conquista Verona, il Veneto torna "in gioco"

La clamorosa vittoria di Damiano Tommasi e del centrosinistra, a Verona (53,24%), è l’immagine dei ballottaggi di domenica scorsa. Il bilancio delle elezioni comunali, soprattutto alla luce, appunto, dei duelli del 26 giugno, vede una prevalenza del centrosinistra, che conquista importanti centri, come Parma, Monza, Alessandria e Catanzaro.

In dettaglio, questi i risultati nei capoluoghi: a Catanzaro, unico capoluogo di Regione coinvolto nei ballottaggi, è prevalso Nicola Fiorita (cs) con il 58,24%. Gli altri eletti espressione del centro-sinistra sono Michele Guerra, a Parma, con il 66,19%; Katia Tarasconi, a Piacenza, con il 53,46%; Paolo Pilotto, a Monza, con il 51,12%; Giorgio Abonante, ad Alessandria, con il 54,41%; Patrizia Manassero, a Cuneo, con il 63,31%. I sindaci eletti con il sostegno del centrodestra sono l’uscente Rodolfo Ziberna, a Gorizia, con il 52,23%; Mario Pardini, a Lucca, con il 51,03%; Riccardo Mastrangeli, a Frosinone, con il 55,32%; Cosimo Cannito, a Barletta, con il 65,03%. A Como e a Viterbo sono stati eletti i candidati “civici”, rispettivamente Alessandro Rapinese, con il 55,36%, e Chiara Frontini, con il 64,92%.

In Veneto, il centrosinistra vince anche a Thiene, il centrodestra a Feltre. Vale la pena di ricordare che, al primo turno, era stato il centrodestra a conquistare importanti Municipi, a partire da Palermo e Genova.
Oltre alla forte astensione (circa il 60%), il dato più saliente è che a prevalere, in molti casi, sono le coalizioni più compatte, che non si sono spaccate. Ma, soprattutto, i ballottaggi hanno confermato che è fondamentale per i candidati “riportare” ai seggi chi li ha votati due settimane prima. L’istituto Cattaneo ha monitorato i flussi elettorali in quattro città. Parma, Monza, Alessandria e Catanzaro “In tre delle quattro città considerate in questa analisi - fa notare lo studio -, il candidato di centrodestra ha visto diminuire i suoi voti (in valore assoluto). Anche senza stimare i flussi elettorali, è dunque evidente che vi è stata una scarsa capacità di ri-mobilitazione del proprio elettorato”.

Questa tornata ha, poi, confermato che le elezioni comunali restano, anche al nord, “contendibili” per il centrosinistra. Di fatto, il Pd è tornato, pur in un panorama politico profondamente mutato, a manifestare quelli che erano fino all’era Renzi i suoi punti di forza. Mentre, al contrario, per la Lega, dopo anni di trionfi, suonano alcuni campanelli d’allarme. In pratica, in Veneto, dopo anni di “quasi mono-partitismo”, tutto sembra tornare in gioco.

Tutti i diritti riservati
Ballottaggi: Tommasi conquista Verona, il Veneto torna "in gioco"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento