Società e Politica
stampa

Bonus edilizia: tutti i dettagli sulle modifiche

La legge di Bilancio 2022 dovrebbe prorogare incentivi, sconto in fattura e cessione del credito. Un decreto legge tenta di arginare le frodi. Nel frattempo le misure stanno modificando il mercato immobiliare

Parole chiave: decreti (1), immobiliare (1), bonus (14), edilizia (35), superbonus (6), legge di bilancio (20), governo (257), parlamento (30), mercato (30)
Superbonus 110

Con la legge di Bilancio 2022 che sta seguendo il suo iter parlamentare in queste settimane e dovrà essere approvata entro fine anno, il Governo ha messo mano anche ai bonus edilizi. Il testo della legge al vaglio del Parlamento è già profondamente cambiato rispetto a quello uscito a fine ottobre dal Consiglio dei Ministri. Facciamo un po’ di ordine, con la premessa che durante il passaggio a Camera e Senato potrebbero essere approvati emendamenti che apporteranno ulteriori modifiche. Innanzitutto, diversamente da quanto precedentemente annunciato, rimane la cessione del credito e lo sconto in fattura per tutti i bonus edilizi.

In secondo luogo vediamo quali e come sono stati prorogati i bonus: non ci sono modifiche sostanziali per il Superbonus del 110% per i condomini, che è stato prorogato fino al 31 dicembre 2023. Dopo il 2023 non scomparirà il Superbonus per i condomini, ma decrescerà ogni anno, fissato al 70% per il 2024 e per il 60% al 2025. Stessa proroga a fine 2023 anche per le ristrutturazioni con il 110% degli edifici di residenzialità popolare e pubblica, che tuttavia dovranno aver completato il 60% dei lavori entro il 30 giugno 2022. Per le case indipendenti invece c’è tempo fino al 30 giugno 2022, con una proroga fino a dicembre per chi avesse già depositato la comunicazione di inizio lavori entro lo scorso 30 settembre e per persone fisiche e nuclei familiari con un Isee inferiore ai 25 mila euro. La soglia dell’Isee riguarda abitazioni unifamiliari, villette a schiera e anche loft all’interno di palazzine. Si ipotizza che proprio su questo punto i partiti daranno maggiore battaglia in Parlamento. Per le abitazioni plurifamiliari, cioè unità abitative che hanno diverse proprietà, la proroga dell’incentivo è fino a dicembre 2023.

Il bonus facciate è stato prorogato fino a dicembre 2022, non ha un tetto massimo di spesa, ma la detrazione passa dal 90% al 60%. Sisma bonus, ecobonus standard, bonus manutenzione e bonus per la sistemazione dei giardini e del verde non vengono modificati e sono prorogati fino al 2024. Per il bonus arredi invece il tetto di spesa passa da 16 mila a 5 mila euro. Lo stesso presidente del Consiglio Mario Draghi ha tuttavia stimato che gli abusi nella cessione del credito in un anno ammonterebbero a 850 milioni di euro. Proprio per arginare tali frodi un decreto legge apposito, approvato lo scorso 10 novembre, ha introdotto alcune misure di contrasto.

Nel decreto si estende l’obbligo del visto di conformità, previsto ora per la cessione del credito o lo sconto in fattura, anche nel caso in cui il Superbonus al 110% venga utilizzato dal beneficiario della detrazione fiscale nella propria dichiarazione dei redditi. Lo stesso obbligo di visto di conformità viene esteso anche al caso di cessione del credito o sconto in fattura per tutti gli altri bonus edilizi. Infine, l’Agenzia delle Entrate può congelare fino a 30 giorni le disposizioni di cessione del credito e gli sconti per effettuare controlli sui profili che si presentano come particolarmente a rischio.

Sarà infine creato un listino di riferimento dei prezzi dei materiali in modo tale che questi non possano essere gonfiati.

I vari bonus edilizi, ma soprattutto il Superbonus del 110%, hanno avuto un impatto sull’economia, con la ripresa del settore dell’edilizia, e sul mercato immobiliare. Spinti da alcune segnalazioni sul fatto che la possibilità di ristrutturazioni di immobili praticamente a costo zero avesse inciso anche sui prezzi delle abitazioni in vendita, con aumenti delle quotazioni, siamo andati a verificare con alcune agenzie la situazione nel Trevigiano.

“Sicuramente c’è molta più vivacità nel mercato, ma sono anche aumentati i prezzi degli immobili, e dei materiali - ha chiarito Susanna Bastianon, consigliera provinciale uscente della Fimaa-Confcommercio, la Federazione italiana mediatori agenti d’affar -. Ci sono tanti fattori che lo influenzano. Per esempio il fondo di garanzia Consap per l’acquisto della prima casa di giovani fino ai 36 anni, la scarsità di offerta di abitazioni unifamiliari e abbinate. Gli aspetti positivi comunque non mancano. Alcune imprese hanno investito in vecchi immobili e programmato interventi di riqualificazione da effettuare con il Superbonus. Gli appartamenti immessi sul mercato sono stati acquistati sulla carta con la garanzia della riqualificazione e gli acquirenti hanno anche usufruito di un bonus sull’acquisto che è servito a calmierare i prezzi e a renderli convenienti. Un appartamento con tre camere può usufruire di un bonus per l’acquisto anche di 40-50 mila euro. Si tratta di operazioni su grossi complessi edilizi, come è avvenuto a Treviso in viale Montegrappa, in via Cattaneo, a Selvana, in zona Fiera, solo per fare qualche esempio. Questo ha portato a un recupero di diversi edifici in aree periferiche, riqualificandole. I tassi per i mutui sono ai minimi storici e ciò spinge molti giovani a puntare sull’acquisto, anche perché case in affitto ce ne sono molto poche”.

Bastianon, pur ammettendo dunque un aumento dei prezzi, ci tiene a chiarire come si tratti di dinamiche complesse: “Certo una vecchia casa in periferia, anni ‘70, che prima poteva costare 180, 200 mila euro ora arriva anche a 240, 250 mila euro, ma poi bisogna vedere in sede di trattativa cosa si riesce davvero a realizzare”.

Si possono trovare maggiori approfondimenti sul numero di Vita del Popolo del 21 novembre

Tutti i diritti riservati
Bonus edilizia: tutti i dettagli sulle modifiche
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento