Società e Politica
stampa

Case di riposo, costi di forniture e servizi alle stelle. Sos da Villorba e Cornuda

Non solo il caro bollette. A Casa Marani, secondo Centro di Servizi per numero di assistiti nella provincia di Treviso, le ricadute negative della crisi energetica incidono pesantemente anche sui costi delle forniture e dei servizi per le attività di cura e assistenza degli oltre 200 ospiti dell’Ipab. E lo stesso accade anche a Villa Fiorita.

Parole chiave: villa marani (1), casa fiorita (1), forniture (1), case di riposo (36), rsa (11), villorba (81), cornuda (25), costi (14), bollette (14), crisi (140), prezzi (10)
Case di riposo, costi di forniture e servizi alle stelle. Sos da Villorba e Cornuda

Non solo il caro bollette. A Casa Marani, secondo Centro di Servizi per numero di assistiti nella provincia di Treviso, le ricadute negative della crisi energetica incidono pesantemente anche sui costi delle forniture e dei servizi per le attività di cura e assistenza degli oltre 200 ospiti dell’IPAB. Rincari che, per i primi 8 mesi del 2022, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno superano nel complesso la cifra di 25mila euro, tra il servizio di ristorazione (+3%), gli ausili e presidi per l’incontinenza (+7%), l’igiene personale (+11%) e la lavanderia (+4%). Ma le richieste di revisione prezzi proseguono, in parallelo ai maggiori oneri a loro volta sostenuti dai fornitori, e il trend è destinato a un’evoluzione ancora più critica.

Un incremento di oltre 25mila rispetto al 2021. È salato il conto giunto a Casa Marani nei primi 8 mesi del 2022 per i servizi erogati all’IPAB dai fornitori. Aziende del territorio che provvedono per le tre sedi di Villorba, Paese e Povegliano, alla fornitura di beni e prestazioni essenziali per la cura e l’assistenza degli oltre 200 ospiti di Casa Marani. Dalla ristorazione fino al lavaggio e disinfezione di indumenti e biancheria, ma anche la lavanderia per le divise del personale e l’approvvigionamento di ausili per incontinenza e prodotti per l’igiene personale. Forniture che, se nei primi otto mesi del 2021 pesavano sul bilancio dell’Ente per un totale di 685mila euro, per il periodo gennaio-agosto 2022 hanno toccato la cifra di oltre 710mila euro. Un’ulteriore stangata per l’IPAB, già alle prese con i costi dell’energia quasi quadruplicati rispetto al 2021, che mette sempre più a rischio il futuro dei servizi erogati alla comunità e al territorio.

“Viviamo un’emergenza nell’emergenza in quella che appare a tutti gli effetti una tempesta perfetta – afferma Daniela Zambon, Presidente di Casa Marani –. Oltre a vederci quadruplicare le spese delle bollette, passate a luglio dai 19mila euro del 2021 agli oltre 91mila euro ivati del 2022, ora i conti presentati dai fornitori in questi primi otto mesi dell’anno mostrano rialzi considerevoli. Ma le previsioni per i prossimi mesi sono ancora più critiche, in quanto le imprese sono in gravissima crisi e difficoltà, e ora rilanciano ulteriori richieste di adeguamento prezzi causate dall’impennata dei costi di gestione delle attività produttive che fanno massiccio ricorso alle utenze di luce e gas, come ad esempio il lavaggio della biancheria.

 

Anche l’Ipab Villa Fiorita di Cornuda denuncia l’aumento dei costi delle forniture. Alimentari, prodotti per l’igiene e la pulizia e lavanderia sono le principali categorie interessate e che fanno registrare a Villa Fiorita nel periodo gennaio-agosto 2022 un rincaro complessivo di quasi 30mila euro rispetto allo stesso periodo del 2021. I dati evidenziati dall’ente di via Zilio destano un’inevitabile preoccupazione, condivisa da molti altri centri di servizi per anziani della Marca e non solo. Rispetto a gennaio-agosto 2021, nel 2022 Villa Fiorita denuncia un aumento del 40% sui costi della lavanderia e dei materiali per la pulizia, del 44% sui prodotti per l’igiene e i materiali per l’incontinenza come i pannoloni, mentre sale addirittura al 100% per quanto riguarda gli alimenti necessari alla preparazione dei pasti serviti agli ospiti della struttura. Nell’insieme significa per Villa Fiorita un aumento di spesa di 29.130,88 euro rispetto a quanto pagato per lo stesso periodo del 2021. La revisione dei contratti di approvvigionamento diventa così per i centri servizio per anziani l’ennesima emergenza da fronteggiare oltre alle bollette molto più salate delle utenze di luce e gas segnalate nelle scorse settimane da molti direttori e presidenti delle IPAB.

“I nostri anziani non devono essere lasciati soli - dichiarano la presidente di Villa Fiorita Elisa Moretto e la direttrice Tania Santi -. Siamo consapevoli del fatto che i nostri fornitori - proprio come noi - si trovino in gravi difficoltà con le proprie utenze di luce e gas e che questo comporti una revisione dei contratti in essere con il nostro ente. Quello che auspichiamo è un intervento da parte del governo per sostenere le famiglie e le imprese, ma anche tutti gli enti come il nostro che si occupano delle persone più fragili”.

Fonte: Comunicato stampa
Case di riposo, costi di forniture e servizi alle stelle. Sos da Villorba e Cornuda
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento