Società e Politica
stampa

Città metropolitana, opportunità per tutti

Stamattina al Centro congressi di Mestre l’incontro-dibattito organizzato da Anciveneto. Presenti amministratori e dipendenti comunali, oltre alle rappresentanze della Provincia di Venezia.

Parole chiave: bressa (4), città metropolitana (11), anci (77)
Città metropolitana, opportunità per tutti

Cari sindaci, credeteci: la città metropolitana è un vantaggio per tutti. Dopo tanti dibattiti, perplessità e accuse, al convegno di Anciveneto -in programma stamattina a Mestre al Centro Congressi della Provincia di Venezia- il sottosegretario agli affari regionali Gianclaudio Bressa ha rimarcato le linee guida del Governo.
Di fronte agli amministratori presenti e dopo l’introduzione del vicepresidente di Anciveneto Pier Antonio Tomasi, Bressa è partito dalle necessità di riordino della pubblica amministrazione. «La porzione di Veneto che include il Veneziano, il Trevigiano e il Padovano è tra la più vivaci al mondo in termini economici e culturali ma tra le meno competitive per quanto riguarda certi servizi come i trasporti -ha esordito- Pertanto la città metropolitana e, più in generale, la definizione di area vasta non possono più essere rinviate: non si tratta di riesumare province di stampo ottocentesco, ma di costruire entità che rappresentino “orizzontalmente” e non in maniera rigidamente gerarchica il territorio. Questo per i sindaci significa un’ulteriore responsabilizzazione, perché dovranno spiegare ai concittadini non solo come gestiranno la propria municipalità ma come progetteranno e governeranno un’intera area accomunata da più caratteristiche comuni. Su questo filone si inseriscono anche altre battaglie. Pensiamo alla revisione della spesa operata dal commissario Carlo Cottarelli: la stragrande maggioranza delle partecipate che lui vuole ridurre opera tra il livello regionale e quello comunale». Quindi una considerazione sul Consiglio delle Autonomie Locali, organo richiesto da anni dall’Associazione dei Comuni Veneti per permettere una giusta interazione tra Regione ed enti locali. «Sarebbe fondamentale per impostare la città metropolitana, ma la vostra Regione –ultima in Italia- lo deve ancora attivare».
Tomasi dal canto suo ha aggiunto: «Le città metropolitane sono previste dalla legge 142 del 1990, è ora di concretizzarle dopo tanti anni che se ne parla e basta. Si tratta di vera innovazione, che porta a un’integrazione reali tra gli enti locali e le istituzioni immediatamente sopra come le regioni».
In chiusura dibattito aperto con i presenti, da cui sono emersi dubbi sul funzionamento delle aree viste, viste le esperienze negative di certe unioni e i riferimenti normativi giudicati incerti. «Il decreto Delrio è stato riscritto in forma più chiara e completa, adesso non ci sono più problemi» ha concluso il sottosegretario.

Fonte: Comunicato stampa
Città metropolitana, opportunità per tutti
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento