Società e Politica
stampa

Elezioni europee e un decalogo per la famiglia: dibattito a Treviso con i candidati locali

Mercoledì 8 maggio, alle 20.45, è in programma al Centro della Famiglia di via San Nicolò, a Treviso, la tavola rotonda con i candidati al Parlamento europeo, promossa da Acli, associazione Partecipare il presente, Azione cattolica, Caritas, Comunità di sant’Egidio, Forum delle associazioni familiari, Movimento ecclesiastico di impegno culturale, Movimento politico per l’unità, Pastorale sociale e del lavoro e Scuola sociale di sant’Agnese, oltre che dal Centro della Famiglia.

Parole chiave: europee19 (5), famiglia (205), famiglie (94), politiche familiari (4), elezioni europee (22), centro della famiglia (45), treviso (1458)
Elezioni europee e un decalogo per la famiglia: dibattito a Treviso con i candidati locali

Mercoledì 8 maggio, alle 20.45, è in programma al Centro della Famiglia di via San Nicolò, a Treviso, la tavola rotonda con i candidati al Parlamento europeo, promossa da Acli, associazione Partecipare il presente, Azione cattolica, Caritas, Comunità di sant’Egidio, Forum delle associazioni familiari, Movimento ecclesiastico di impegno culturale, Movimento politico per l’unità, Pastorale sociale e del lavoro e Scuola sociale di sant’Agnese, oltre che dal Centro della Famiglia. Il dibattito sarà nel merito di quattro valori fondamentali: famiglia, giovani, integrazione e lavoro. Moderatore è Vincenzo Bassi, i candidati che hanno dato adesione sono Antony Candiello (Cinquestelle), Antonio Calò (Partito democratico), Emanuele Crosato (Forza Italia), Toni Da Re (Lega) e Elisabetta Gardini (Fratelli d’Italia).

La tavola rotonda rientra in una iniziativa ben più ampia. Anche le associazioni del mondo cattolico trevigiano, infatti, sottopongono ai candidati al Parlamento europeo la sottoscrizione del “Manifesto per la famiglia”. Redatto e reso pubblico dalla Fafce, la Federazione europea che raggruppa le Associazioni familiari, con il titolo “Stronger Families for a flourishing Society”, al candidato si chiede di mettere la propria firma su questo testo: “In qualità di candidato alle elezioni europee, mi impegno a riconoscere il valore del volontariato e del lavoro domestico svolto dai padri e dalle madri di famiglia, come fondamentali contributi di coesione sociale e all’atto di prendere decisioni politiche prometto di riferirmi espressamente al manifesto delle famiglie”. E giù, in dieci punti l’elenco dei valori da riconoscere e accettare.

Il Centro della Famiglia, d’accordo con le altre associazioni, si è impegnato a contattare le segreterie dei cinque maggiori partiti per poter sottoporre il manifesto a tutti i loro candidati. Di più, nella Sala Convegni del Centro della Famiglia c’è la sera dell’8 maggio la tavola rotonda con i candidati del territorio. A porre le domande saranno i rappresentanti delle associazioni.

La tavola rotonda avrà come moderatore Vincenzo Bassi che è il vicepresidente della Federazione delle Associazioni Familiari Cattoliche in Europa (Fafce) che ha scritto il manifesto, e che è la più importante rete associativa familiare di ispirazione cristiana del continente. Vi aderiscono una ventina di associazioni nazionali da altrettanti Paesi europei in rappresentanza di alcuni milioni di famiglie. L’Italia è rappresentata dal Forum delle Associazioni familiari, costituito da 47 associazioni e 18 Forum regionali che a loro volta sono composti da Forum locali e da 582 associazioni per un totale di circa 5 milioni di famiglie. “Quanto viene espresso dal manifesto riassume efficacemente i valori cristiani senza sottolineature confessionali”, ha detto il direttore del Centro della Famiglia don Francesco Pesce, “con l’obiettivo principale di rilanciare la denatalità che, con variazioni diverse, è la grande emergenza dell’Europa, e quindi il ruolo della famiglia, la centralità del lavoro e la fascia giovanile della popolazione e l’integrazione. L’intento è di dire le cose positive, chiare, profonde senza per forza schierarsi contro qualcuno. Il nostro auspicio è che in questo manifesto si possano riconoscere politici di ogni schieramento”.

Tutti i diritti riservati
Elezioni europee e un decalogo per la famiglia: dibattito a Treviso con i candidati locali
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento