Società e Politica
stampa

Export manifatturiero Veneto 2020: ultimo trimestre a livelli preCovid (-0,4%)

Boschetto: "Colpo di reni straordinario nella seconda metà dell’anno. Molto meglio dei competitor Emilia Romagna (-1,6%) e Lombardia (-1,7%). Nel complesso il dato 2020 rimane negativo (-8,6%)".

Parole chiave: export (29), boschetto (2), confartigianato (78), artigiani (101), export manufatturiero (1), manifatturiero (12)
Export manifatturiero Veneto 2020: ultimo trimestre a livelli preCovid (-0,4%)

“Che sia la fatidica luce in fondo al tunnel è presto per dirlo. Ma il colpo di reni che le imprese manifatturiere venete hanno avuto verso i mercati internazionali nella seconda metà dell’anno è comunque degno di nota e fa ben sperare per la nostra economia così duramente colpita dalla pandemia”. Lo afferma Roberto Boschetto Presidente di Confartigianato Imprese Veneto nell’analizzare i dati del report sull’export manifatturiero veneto nel 2020 dell’ufficio studi della Federazione. “A stupire positivamente è in particolare -sottolinea- il calo molto contenuto (-0,4%) del 4 trimestre 2020 sullo stesso periodo dell’anno precedente rispetto a quanto messo a segno dai competitor Emilia Romagna (-1,6%) e Lombardia (-1,7%) In pratica si è tornati sui livelli del 2019. Purtroppo però non è bastato. Infatti i due trimestri non riescono a compensare la notevole diminuzione verificatasi nel secondo trimestre dell'anno, quindi l'andamento del 2020 rimane nel complesso in calo del -8,6%, pari a 5,5 miliardi di euro in meno rispetto all'ammontare raggiunto nel 2019. Il nostro export manifatturiero ha comunque raggiunto la ragguardevole cifra di 58 miliardi di euro”.

“In questi primi mesi dell’anno -prosegue Boschetto- arrivano ulteriori segnali interessanti da Usa e Oriente dove riaprono i cinema e gli stadi, i turisti si rimettono in moto, i consumi ripartono, perfino quelli di fascia alta. E noi non possiamo che sperare nell'effetto traino che, dai dati nazionali sembra esserci: a gennaio 2021 l’export italiano segna +2,3% congiunturale con + 1 mld di saldo commerciale rispetto a gennaio 2020. Tra le grandi economie, esclusa la Cina, il nostro Paese è quello che ha maggiormente contenuto il calo dell'export. Un grande risultato a cui ha certamente contribuito il sistema economico veneto e le nostre imprese manifatturiere artigiane”.

 

Se si guarda ai dati diffusi da Istat relativi alle esportazioni per trimestre, nel 2020 emerge un andamento congiunturale, cioè il confronto con il trimestre precedente, decisamente a V. Meno 10,5% nel primo, -19,8% nel secondo, +26,1% nel terzo e + 10% nel quarto che raggiunge quasi i 16,5 miliardi di euro, valore pari al quarto trimestre 2019, cioè prima dell'inizio della pandemia. Malgrado la netta flessione del secondo trimestre dell'anno, pare che questa crisi per l'export sia meno profonda rispetto a quella del 2009, infatti allora la variazione annuale si assestò a -23,5% a causa di sensibili decrementi congiunturali di esportazioni per ben quattro trimestri consecutivi, mentre nel 2020 un calo a due cifre si è verificato solamente nei primi due trimestri, portando il totale annuo, come detto, a -8,6%.

Sul rimbalzo nel 4° trim. pesa di più l’export extra UE post Brexit (+0,7%) che quello UE (-1,3%). Benissimo Svizzera (+22,2%), UK (+13,1%) e Cina (+11,4%) ma anche USA (+9,5%) e Canada (+7,8%). In Europa cresce la Germania nostro primo mercato (+3,7%) mentre calano Spagna (-9,8%), Romania (-9,4%) e Austria (-8,1%). Segnale ulteriore di quanto sia importante per la ripresa la campagna vaccinale. Sul fronte dei prodotti, bene il farmaceutico (+20,6%), i prodotti in metallo (+18,9%) e la metalmeccanica in generale. Torna a crescere anche l’’abbigliamento (+2,6%) ma calano ancora gli articoli in pelle (-9,5%) ed i tessili (-10,1%).    

 

“Nonostante i recuperi di alcuni settori nell'ultimo trimestre -conclude Boschetto-, l'export annuale rimane comunque in contrazione per tutti i prodotti ad esclusione del farmaceutico che è quasi raddoppiato passando da 800 milioni di euro del 2019 al miliardo e mezzo del 2020. Tra i settori più “pesanti in termini di esportazioni i cali tendenziali maggiori si sono registrati nei macchinari e apparecchiature (-10,5%), il tessile-abbigliamento-calzature che registra un -11,7% seguito dai prodotti di altre industrie manifatturiere (-22%). Cosa possiamo fare per supportare la ripresa? Facilitare la mobilità di merci e persone, nel pieno rispetto degli obblighi sanitari. Per questo chiediamo che vengano potenziati i punti pubblici vaccinali di prossimità nei territori, a livello intercomunale (utilizzando palestre o altri spazi pubblici) e che siano pianificate anche fasce orarie diversificate, anche serali per poter vaccinare i lavoratori. Ribadiamo la nostra piena disponibilità e la volontà a sensibilizzare e coinvolgere i lavoratori e le aziende (che per il mondo dell’artigianato veneto significa 128.635 titolari e soci e 169.707 lavoratori dipendenti per un totale di 298.324 persone), a partecipare fattivamente anche con il contributo del sistema della bilateralità e a individuare spazi idonei alla vaccinazione”.

Fonte: Comunicato stampa
Export manifatturiero Veneto 2020: ultimo trimestre a livelli preCovid (-0,4%)
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento