Società e Politica
stampa

Facciamo rivivere gli asili! Ma le linee guida tardano

Corsa contro il tempo per riaprire le scuole materne paritarie, nella modalità centro estivo. Con l’obiettivo di offrire alle famiglie un servizio che copra i mesi di giugno e luglio e, parzialmente, comprenda anche il mese di agosto. In attesa di linee guida chiare e dettate da regole e buonsenso.

Parole chiave: centri estivi (7), asili (65), scuole dell'infanzia (80), scuole paritarie (82), ragazzi (27), estate (83), coronavirus (732)
Facciamo rivivere gli asili! Ma le linee guida tardano

Una corsa contro il tempo per riaprire le scuole materne paritarie, nella modalità centro estivo. Con l’obiettivo di offrire un servizio che vada da giugno a luglio e, parzialmente, comprenda anche il mese di agosto. E’ in quest’ottica che la Fism si è mossa nelle ultime settimane confrontandosi a più riprese con la Regione per stilare, insieme ad altri soggetti, un protocollo che andrà a integrare l’ordinanza regionale di sabato 23 maggio con i relativi allegati. Un protocollo, in uscita in queste ore, che dovrà recepire numerose indicazioni partite proprio dalla federazione che rappresenta le scuole materne paritarie.

Ora si tratta di trasmettere tutte queste indicazioni agli enti gestori, che potranno aprire, su base volontaria, i loro centri estivi. “Stiamo infatti parlando di attività ludico-ricreative e non educative, è sempre il caso di precisarlo”, sottolinea il presidente regionale della Fism, Stefano Cecchin. Solo con questa modalità, infatti, è stato possibile andare a normare un’attività che esula da quella educativa, che invece ripartirà a settembre con le norme e le indicazioni che fornirà il Ministero dell’Istruzione.

Intanto si pensa a offrire un servizio alle famiglie, per tutte le fasce d’età (0-17 anni, pur con qualche punto di domanda ancora esistente sulla fascia 0-3, quella dei nidi) anche se non è detto che tutte le strutture saranno poi disponibili ad aprire e ad accollarsi i costi che i rigidi protocolli sanitari prevedono. “Sono protocolli molto restrittivi, che la Regione Veneto ha elaborato e che poi sono stati recepiti anche da altre regioni. Riguardano in particolare il numero di educatori per gruppo di bambini che, ad esempio, per la fascia 0-6 anni dovrà essere di un educatore per ogni cinque bambini”.

Tutto questo comporterà dei costi, ma i fondi per coprirli questa volta sono garantiti. A Roma, riferisce il presidente nazionale Fism Stefano Giordano, sono stati stanziati 150 milioni (per tutti i quasi 8.000 Comuni italiani, ndr). E a questi se ne aggiungeranno altri 35 di competenza del Ministero della Famiglia. Sono 185 milioni che verranno trasferiti ai Comuni, ai quali spetterà il compito di assegnarli agli enti gestori aventi diritto. Il problema, a questo punto, sarà individuare i criteri più corretti. “E’ per questo - spiega ancora Cecchin - che è in corso un confronto con l’Anci. Occorre che i finanziamenti siano assegnati sulla base di una quota capitaria per bambino, che tenga conto però anche di numerosi altri fattori. A cominciare dalla struttura stessa dell’ente gestore, dai suoi requisiti, dagli accreditamenti e così via. E’ diverso, infatti, andare a finanziare una scuola accreditata che utilizza personale pagato rispetto a un’associazione che si basa sul volontariato”. Non solo: “I requisiti dovranno essere uniformi, i Comuni non potranno andare in ordine sparso”.

C’è poi la possibilità per le famiglie di utilizzare il bonus baby sitter da 1200 euro anche per i centri estivi. Uno strumento da cogliere, per sostenere la spesa di un servizio che potrebbe essere attivo per quasi tutta l’estate.

Rimane un punto di domanda sulla data di partenza: “Chi si stava già organizzando probabilmente sarà pronto ad aprire mercoledì 3 giugno. Altri - conclude Cecchin - apriranno il lunedì seguente o quello dopo ancora”.

Tutti i diritti riservati
Facciamo rivivere gli asili! Ma le linee guida tardano
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento