Società e Politica
stampa

Figli: l'assegno unico è certo

L'intervista. La ministra per le Pari opportunità e la Famiglia Elena Bonetti, intervenuta lo scorso 14 maggio agli Stati generali della natalità, rassicura il Forum delle Famiglie

Figli: l'assegno unico è certo

Lo scorso 14 maggio, agli Stati generali sulla natalità, è intervenuta anche la ministra per le pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti, cui abbiamo rivolto alcune domande.

Innanzi tutto, ministra Bonetti, una sua impressione sugli Stati generali della Natalità: un evento alla sua prima edizione, per certi versi senza precedenti.

Un evento molto importante per il quale sono davvero grata al Forum delle Famiglie e al suo presidente Gigi de Palo, perché ha permesso al nostro Paese di porre l’attenzione sul calo delle nascite e allo stesso tempo di offrire una risposta ed una assunzione di impegno: non solo da parte del mondo delle associazioni familiari, ma anche della Chiesa e – per quel che mi riguarda – del Governo e delle Istituzioni. Su questo, il presidente Draghi è stato molto chiaro. Questo governo intende accompagnare l’Italia nel futuro e sa che per far questo deve investire sulle nuove generazioni con una visione di strategia e mettere in atto la riforma delle politiche familiari del Family act, a partire dall’assegno unico universale.

Nel suo intervento, ha ribadito “l’importanza della relazione e della comunità” dove trova “compimento” la persona…

Oggi dobbiamo essere consapevoli che è nella comunità che possiamo realizzare la speranza, i desideri, la libertà di ciascuno di noi. E’ in questa dimensione comunitaria – e non dell’individuo solo – che la persona si mette in gioco con tutta la sua personalità, le sue ambizioni, i propri progetti. E i progetti si possono concretizzare nel costruire relazioni con gli altri.

Agli Stati generali, lei ha parlato di riforma integrata e di Family act. Ha assicurato che il governo darà sostegno alla famiglia. Quali sono le prospettive attuali sull’assegno unico universale? Il forum delle famiglie teme che le risorse non ci siano…

Per contrastare la denatalità, per sostenere la genitorialità, per sostenere le nuove generazioni, l’educazione, le donne e i giovani, la riforma del Family act ha proposto una visione “integrata”: non una misura sola, non delle misure a tempo, ma un’azione sinergica di più interventi collegati e strutturali. Quello che stiamo facendo, a partire dall’assegno unico universale, è scegliere di dare attuazione al Family act assumendolo come riforma di accompagnamento al Pnrr. In merito all’assegno unico universale, l’impegno c’è. Da luglio partirà in una forma “ponte”, perché le detrazioni fiscali verranno inglobate all’interno dell’assegno a partire da gennaio, ma già da luglio l’assegno verrà erogato a chi non ha mai ricevuto alcun assegno al nucleo familiare (si parla di più di due milioni di nuclei familiari), mentre l’assegno al nucleo familiare già esistente verrà maggiorato, secondo le nuove regole dell’assegno unico universale.

Quali sono le misure che contate di mettere in campo per realizzare un netto cambio di rotta circa la natalità? Il presidente dell’Istat, Blangiardo, ha fatto capire che questa operazione è possibile e che sta riuscendo ad altri Paesi (la Germania, ma anche Paesi dell’Est Europa).

Accanto al sostegno economico con l’assegno unico universale, il Family act prevede: l’investimento in educazione (quindi sostegno alle spese educative delle famiglie) e la garanzia che in tutti i territori ci siano servizi educativi di qualità, adeguati, a partire dagli asili nido; la riforma dei congedi parentali, paritari tra le donne e gli uomini, estesi a tutte le categorie di lavoratrici e lavoratori; un investimento significativo nel lavoro femminile, nell’imprenditoria femminile, ma anche nella maternità e nella possibilità di conciliare la maternità e la carriera lavorativa; investimento sulla formazione anche universitaria dei giovani e sull’inizio di attività lavorative, ma anche sull’abitazione, a partire dal piano di accesso agevolato ai mutui che verrà messo in atto il prossimo settembre.

Tutti i diritti riservati
Figli: l'assegno unico è certo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento