Società e Politica
stampa

I richiedenti asilo potranno svolgere attività di volontariato. Accordo tra Prefettura e Comune di Treviso

Per l'Amministrazione del capoluogo "il fatto che queste persone possano essere impiegate in attività socialmente utili rappresenta prima di un contributo importante per la comunità". Il plauso di Cisl e Volontarinsieme-Ccv.

Parole chiave: profughi (222), rifugiati (133), accoglienza (159), treviso (1562), grigoletto (57)
I richiedenti asilo potranno svolgere attività di volontariato. Accordo tra Prefettura e Comune di Treviso

Il Comune di Treviso sigla il protocollo d’intesa relativo allo svolgimento di attività di volontariato da parte dei richiedenti asilo. Dopo l’adesione deliberata questa mattina - 29 settembre - dalla giunta comunale il vicesindaco Roberto Grigoletto, l’assessore delegato Anna Caterina Cabino nel pomeriggio di oggi hanno sottoscritto il documento proposto dalla Prefettura: “Abbiamo ritenuto opportuno siglare questo documento soprattutto per il valore e la valenza politica che questo documento riveste – dichiara il vicesindaco -  Si tratta prima di tutto di un cambio di atteggiamento e di prospettiva: il fatto che queste persone possano essere impiegate in attività socialmente utili rappresenta prima di un contributo importante per la comunità. Certo, siamo davanti ad uno strumento nuovo che pone sicuramente delle questioni e dei nodi che dovranno essere sciolti, ma crediamo che in sede di convenzione anche le perplessità sollevate da alcune associazioni di volontariato possano trovare soluzione”.

Sull'intesa già arrivano le prime reazioni. Afferma il segretario generale della Cisl Belluno-Treviso Franco Lorenzon: "Ritengo quello sottoscritto oggi un protocollo positivo, un passo in avanti importante sulla strada della civiltà, dell'accoglienza e di un senso realistico della presenza sul nostro territorio dei profughi e richiedenti asilo, un accordo che da il via a molte possibilità senza incatenare nessuno. E' sicuramente un passaggio politico, soprattutto, e in quanto tale troverà la sua forza in quella che sarà poi l'applicazione e l'adesione degli Enti Locali in collaborazione con le associazioni di volontariato e il coordinamento della Prefettura. Credo che finalmente sia stata espressa, chiaramente, una volontà nuova di integrazione e di accoglienza, nei confronti di persone che si trovano costrette in una situazione indipendente dalla loro volontà e che, se supportate dalle istituzione, possono diventare una risorsa per le nostre comunità senza rappresentare un'insidia per qualcun altro, lavoratori disoccupati in primis. L'alternativa è quella di continuare a lasciare questi soggetti nell'inerzia, dando poi libero sfogo a sterili giudizi e commenti di chi contesta, si oppone e non fa proposte alternative".

Arriva anche una dichiarazione di Alberto Franceschini, Presidente di Volontarinsieme-Csv Treviso: "Nel direttivo che si è svolto ieri sera (lunedì 28 settembre) è stato discusso il protocollo siglato oggi in Prefettura, che consideriamo positivo, frutto di una una decisa accelerazione per un metodo nuovo e per un approccio costruttivo dell'accoglienza e gestione dei richiedenti asilo presenti sul territorio.Come organo di rappresentanza del volontariato, oggi abbiamo però chiesto la variazione del titolo, perché fosse sostituita l'espressione "attività di volontariato" in "attività socialmente utili" per le comunità, in quanto il termine volontariato ci sembrava impropriamente utilizzato essendo, il nostro settore, specificamente normato da leggi regionali e nazionali. Abbiamo anche posto l'attenzione su alcune perplessità già emerse nei precedenti incontri, come il carico dei costi necessari per impiegare queste persone in attività sociali. Non stiamo parlando degli aspetti assicurativi, quanto più la formazione necessaria per questi soggetti, e il materiale da utilizzare per le varie attività. Sono costi, inevitabili, che riteniamo non debbano essere assunti dalle associazioni di volontariato ma dagli Enti richiedenti".
Pertanto, essendo stati rigettati i nostri emendamenti, saranno elementi da definire in sede di convenzione da stipulare con gli enti locali che hanno aderito e che applicheranno tale protocollo."

I richiedenti asilo potranno svolgere attività di volontariato. Accordo tra Prefettura e Comune di Treviso
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento