Società e Politica
stampa

In Parlamento risuona la voce delle vittime della tratta

Incinte fino al settimo mese, costrette a prostituirsi. “Per loro i clienti fanno la fila" è la denuncia della Comunità Papa Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi. La proposta di legge Gigli di sanzionare i clienti, sul modello “nordico"

Parole chiave: associazione Giovanni XXIII (3), prostituzione (10), tratta (27)
In Parlamento risuona la voce delle vittime della tratta

«Cercano donne incinte, fino anche al settimo mese di gravidanza, e sono disposti a pagare di più, fino a 200 euro, per avere un rapporto sessuale con loro». La nuova tendenza perversa del mercato della prostituzione è stata denunciata questa mattina nel corso del seminario “Lotta alla prostituzione per prevenire la tratta di persone e lo sfruttamento sessuale” organizzato presso la Sala Aldo Moro della Camera dei Deputati dalla Comunità Papa Giovanni XXIII in collaborazione con l’on. Gianluigi Gigli, firmatario di una proposta di legge che si ispira al cosiddetto “modello nordico”. Moderatore Luca Liverani, giornalista di Avvenire.
La voce delle donne vittime di sfruttamento sessuale arriva nella sede del Parlamento italiano attraverso la testimonianza di Irene Ciambezi, responsabile di una delle 16 Unità di strada antitratta dell’associazione fondata da don Benzi, che molte di queste ragazze le ha anche accolte nella propria casa famiglia. Citando ricerche scientifiche, ma anche la propria esperienza diretta, descrive i traumi subiti da queste donne, paragonabili a quelli delle vittime di tortura. «Ci sono stati riferiti anche casi di donne bulgare e albanesi che sono tornate sulla strada subito dopo aver partorito, mentre i figli sono stati venduti».
Ancora più dirette le parole di Elena, romena, che la tratta e la prostituzione le ha vissute in prima persona: «Sono arrivata in Italia a 16 anni, mi hanno chiuso in una stanza per due mesi, violentata ripetutamente. Poi mi hanno mandato sulla strada, controllata a vista». Racconta di aver subito ogni tipo di violenza: «Una volta un cliente mi ha anche spogliato e lasciato nuda sulla strada». Poi arriva un’auto con a bordo don Oreste Benzi e don Aldo Buonaiuto: «Non mi hanno chiesto “quanto costi?” ma “quanto soffri?”. Sono salita su quell’auto. Oggi ho un fidanzato. Abbiamo problemi di lavoro, ma sono viva!».
Secondo i dati del Global Report dell’ONU sulla Tratta di persone, illustrati da Vittoria Luda di Cortemiglia, dell’United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute, il 67% di tutte le vittime di tratta è rappresentato da donne, mentre la tratta a fini di sfruttamento sessuale costituisce il 58% del totale. Il 68% di chi commette reati connessi alla tratta, invece, è maschio.
Per uscire da questa situazione la ricetta individuata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII è quella di agire sul fronte della domanda, «fonte di tutte le forme di sfruttamento» come stabilisce la Direttiva europea n.36/2011.
«Per liberare le vittime di tratta bisogna eliminare la domanda – ha dichiarato Giovanni Ramonda, responsabile generale dell’associazione –, contrastando i compratori di sesso, i clienti, in quanto corresponsabili della riduzione in schiavitù di queste donne».
Al Governo ha chiesto di «inserire queste misure nel Piano antitratta che deve essere varato nelle prossime settimane», ai Parlamentari di «superare le logiche di appartenenza politica e dar vita ad una alleanza trasversale, che consenta di raggiungere in breve tempo la liberazione di queste donne, ispirandosi al cosiddetto “modello nordico”, che ha già dimostrato la propria validità».
Richiesta che trova il sostegno dell’on. Gianluigi Gigli, firmatario di una proposta di legge che prevede sanzioni progressive proprio nei confronti dei clienti.
Sia lui che la parlamentare europea Silvia Costa hanno sottolineato come i Paesi che hanno legalizzato la prostituzione non hanno sconfitto la criminalità ma anzi hanno reso più difficile il contrasto, mentre Paesi come la Svezia e la Norvegia che hanno vietato l’acquisto di prestazioni sessuali a pagamento hanno ridotto sensibilmente il fenomeno, contribuendo a far cambiare mentalità anche agli uomini.
Appassionato l’intervento dell’ex questore Italo d’Angelo: «Sono sempre stato nella Polizia. Mi piace pensare la mia vita professionale in due parti: prima e dopo don Oreste. « Le ragazze sulla strada sono ragazze abusate, sono vittime, io le ho viste. Una ragazza è stata torturata e uccisa. Nessuno ha recriminato il suo corpo. Abbiamo fatto il funerale con don Oreste. Queste ragazze vengono trattate come animali, non le dobbiamo consolare, le dobbiamo liberare!».
Tra i presenti al seminario c’erano parlamentari appartenenti a diversi schieramenti politici che si sono impegnati a creare una alleanza trasversale, per portare anche in Italia il modello nordico.

Fonte: Comunicato stampa
In Parlamento risuona la voce delle vittime della tratta
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento