Società e Politica
stampa

"In carne e ossa: tra corpo e spirito": convegno Messaggero di S. Antonio e diocesi di Padova

L'iniziativa si terrà il 4 e 5 settembre a Padova al Centro Congressi “Albino Luciani”, promossa da “Messaggero di sant’Antonio” e Ufficio di pastorale dell’educazione e della scuola della diocesi di Padova per discutere sul ruolo di anima e corpo nei rapporti educativi

Parole chiave: giovani (268), Messaggero di sant'Antonio (1), educazione (38), diocesi di Padova (3)
"In carne e ossa: tra corpo e spirito": convegno Messaggero di S. Antonio e diocesi di Padova

È boom di iscrizioni al convegno interdisciplinare e interreligioso “In carne e ossa, tra corpo e spirito”, organizzato il 4 e 5 settembre a Padova al Centro Congressi “Albino Luciani”, da “Messaggero di sant’Antonio” e Ufficio di pastorale dell’educazione e della scuola della diocesi di Padova per discutere sul ruolo di anima e corpo nei rapporti educativi. Gli iscritti (oltre 700, le iscrizioni sono ormai chiuse) sono per la quasi totalità insegnanti di scuole di ogni ordine e grado, anzitutto di religione cattolica, ma anche educatori, medici, psicologi, genitori, studenti provenienti in gran parte da tutto il Veneto, seguito dalle province di Udine, Pordenone, Gorizia. Qualche iscritto anche da Sondrio, Roma, Latina, Taranto. La prima giornata cercherà di comprendere il linguaggio corporeo dell’adolescente e l’uso del corpo nella pubblicità. Tra i relatori, Paola Scalari, psicoterapeuta veneziana che anticipa: “La gioventù di oggi esplora lo spazio oltre il suo confine familiare in modo sempre più vasto, poiché ha a disposizione tecnologie, mezzi, opportunità” per i loro genitori “difficilmente immaginabili”, e questo “influisce anche nel difficile percorso per diventare adulti che rappresenta, secondo l’esperta, “una seconda nascita” affascinante quanto impegnativa.“La poesia del corpo. Corpo e spirito nel Cantico dei Cantici" è il tema affrontato da sr. Elena Bosetti, esegeta, Università Gregoriana (Roma), mentre mons. Franco Giulio Brambilla, vescovo e teologo inbterverrà sul tema "È risorto, non è qui! Il corpo dopo l’evento della Pasqua". La giornata di sabato 5 settembre invece vedrà svolgersi la tavola rotonda “Credere con il corpo nell’era virtuale - Grandi religioni a confronto”. Guidati da fra Fabio Scarsato, direttore editoriale del “Messaggero di sant’Antonio”, un monaco benedettino, un pedagogista, un imam, un monaco buddista discuteranno sul rapporto tra corpo e religione. Secondo Gilberto Borghi, pedagogista clinico e docente di religione che parteciperà alla tavola rotonda, “la post modernità spinge prepotentemente verso la frammentazione antropologica, in cui i tre cervelli dell’uomo - mente, cuore e corpo - vivono da separati in casa”. Le diverse modalità di ricomporre questa separazione interna determinano diversi atteggiamenti religiosi: la religione può limitarsi a essere “solo nido, ghetto, bandiera” o diventare “veicolo di antisocialità”, oppure “il credere si manifesta come desiderio di assoluto capace di coinvolgimento emozionale e sensoriale”. Il convegno ha il patrocinato di Fondazione “G. Bortignon” per l’educazione e la scuola, di Fidae Veneto e Fism Veneto. Info e materiale in preparazione al convegno su www.santantonio.org.

Fonte: Comunicato stampa
"In carne e ossa: tra corpo e spirito": convegno Messaggero di S. Antonio e diocesi di Padova
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento