Società e Politica
stampa

Istruzione per adulti: il Centro di Treviso bloccato dal Ministero, manca il codice meccanografico

La mancanza del codice meccanografico impedisce di poter attivare qualsiasi attività. Una cosa scandalosa, secondo il referente Cpia di Treviso. Appello dell'on. Casellato al ministro Giannini.

Parole chiave: scuole serali (1), istruzione per adulti (2), scuola (373), casellato (14)
Istruzione per adulti: il Centro di Treviso bloccato dal Ministero, manca il codice meccanografico

Il Dpr 263 del 2012 ha istituito i Centri Provinciali di Istruzione degli Adulti (Cpia) dando loro autonomia scolastica a partire dall’anno scolastico 2014/2015. In questo a.s., già iniziato,  ne partiranno 40 in forma pilota a livello nazionale, 2 in Veneto, precisamente in provincia di Treviso e Verona (dal prossimo anno scolastico partiranno obbligatoriamente tutti gli altri).

A Treviso, quindi,  il centro è già stato autorizzato ad avviare le attività per l’anno in corso, ma a tutt’oggi ancora non è stato attivato il Codice Meccanografico indispensabile per la maggior parte delle procedure, e che deve essere necessariamente assegnato dal Miur.

“La mancanza del codice meccanografico impedisce di poter attivare qualsiasi funzione amministrativa, di protocollo, aprire un conto di tesoreria, fare acquisti, assegnare incarichi, gestire il personale – afferma Renzo Trevisin referente Cpia di Treviso – La cosa è davvero scandalosa perché era risaputo, da almeno due anni, che il codice doveva essere assegnato per tempo per permettere l’avvio dell’attività didattica, ma a tutt’oggi siamo ancora bloccati e senza la possibilità di avviare le lezioni”.

Il Centro Provinciale di Istruzione Adulti di Treviso conta 10 sedi principali e più di 60 sedi periferiche, impiega 100 docenti a contratto e oltre 70 collaboratori esterni e offre un servizio a quasi 7mila adulti, la metà dei quali stranieri. Dallo scorso anno prende in carico anche gli studenti dai 16 anni in su, fuoriusciti dalle scuole superiori e a rischio dispersione scolastica. Durante le lezioni, prevalentemente serali, offre un servizio di babysitter per le madri che frequentano le lezioni.

“Tutte le formalità burocratiche sono state completate ed è stata  gestita tutta la parte didattica. I nostri Cpia sono pronti ad iniziare le attività, anche in collaborazione con i Comuni, ma per i suddetti motivi sono di fatto paralizzati. – Ha affermato l’on. Floriana Casellato deputata del Partito Democratico – Per questo ieri ho depositato un’interrogazione urgente al Ministro per l’Istruzione Stefania Giannini chiedendo che renda conto in Commissione di questa grave situazione e che provveda a sollecitare quanto prima i funzionari del MIUR che devono rilasciare il codice meccanografico. Ho interessato anche il Sottosegretario all’Istruzione Roberto Reggi, per risolvere quanto prima questo disguido, permettendo ai Centri, ai dirigenti che si occupano del coordinamento e al corpo docenti di iniziare le attività di un servizio di grande importanza e valore sociale e culturale per il nostro territorio. La situazione va sbloccata con urgenza e lunedì, di rientro a Roma, sarà la prima cosa di cui mi occuperò, in attesa della risposta del Ministro".

Fonte: Comunicato stampa
Istruzione per adulti: il Centro di Treviso bloccato dal Ministero, manca il codice meccanografico
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento