Società e Politica
stampa

Jesolo: inaugurata spiaggia per disabili

La “Spiaggia di Nemo” è stata realizzata nell’area antistante l’Ospedale di Jesolo, è dotata di 56 “piazzole” ampie ed attrezzate e di un parcheggio fonte mare.

Parole chiave: spiaggia (5), jesolo (26), disabili (101), ulss 10 (48), zaia (206), zaccariotto (3)
Jesolo: inaugurata spiaggia per disabili

Nel tratto di litorale presso l’Ospedale Civile di Jesolo, in via Levantina 104,la presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto ha inaugurato oggi il percorso speciale chiamato “Spiaggia di Nemo”, primo nel Veneto ad essere attrezzato per offrire servizi a persone con abilità diverse.

L’iniziativa è stata realizzata dall’Azienda ULSS 10 Veneto orientale, dal Comune di Jesolo e dalla Conferenza dei sindaci del Veneto orientale, in collaborazione con Jesolo Turismo Spa e il patrocinio della Provincia di Venezia.

Sono intervenuti con un saluto il direttore generale dell’Ulss 10 Carlo Bramezza, il sindaco di Jesolo Valerio Zoggia, il presidente della Conferenza dei Sindaci Luciano Striuli, il presidente di Jesolo Turismo Luca Boccato, il governatore del Veneto Luca Zaia. Dopo la benedizione e il taglio del nastro, è seguita la visita della spiaggia con un folto gruppo di cittadini e di utenti disabili.

La presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto ha dichiarato: «Questo è sicuramente un obiettivo importante raggiunto, che nasce dalla forza delle idee messe in campo in questi anni dal direttore Bramezza, che ringrazio a nome di tutti i cittadini della Provincia veneziana, e dei nostri affezionati turisti, e anche da una Regione che ha creduto profondamente in un concetto di sanità come lavoro di squadra, e di eccellenza del servizio come qualità elevata nel rispetto dei costi standard. Proprio un anno fa abbiamo inaugurato la nuova piattaforma di elicotteri per il pronto soccorso, e aperto una nuova sede operativa di medicina turistica. Oggi il protagonista del servizio è un turista speciale, il cittadino con disabilità, al quale va sempre garantita una risposta a 360 gradi  a qualsiasi richiesta – non solo in termini di ospitalità, di accessibilità delle strutture, di trasporto o logistica, ma anche e soprattutto di carattere sanitario o logistico - che possa insorgere durante il periodo di soggiorno, al pari di ogni altro turista.

Questa provincia, questo territorio, queste spiagge, mantengono il primato assoluto nazionale in termini di presenze turistiche con34 milioni di visitatori all'anno, che ci colloca anche ai vertici delle classifiche europee e mondiali come meta scelta da una popolazione turistica sempre più variegata, per origine geografica e lingua, ma anche per stili di vita, preferenze, abitudini, per età e anche per abilità diverse. E con questi numeri possiamo permetterci di dare l’esempio, di fare innovazione, di creare delle buone pratiche, per poi trasferirle a tutte le altre amministrazioni locali.

Offrire accoglienza di qualità include dunque non solo le strutture alberghiere complete e confortevoli, ma anche trasporti adeguati, e in questa direzione si sta muovendo la nostra azienda partecipata dei trasporti ATVO che ha rinnovato tutta la flotta dei mezzi per renderli accessibili e confortevoli a chi si muove con difficoltà, e che funzionano con efficienza e puntualità consentendo al turista che proviene per esempio dall’austria di arrivare direttamente a Jesolo con un solo biglietto di viaggio. Vuol dire la qualità della nostra enogastronomia, la possibilità per tutti di provare nuove esperienze nei campi dello sport, della cultura e altro ancora, ma vuol dire prevenire e anticipare le richieste di un pubblico vasto e internazionale che vuole attenzioni speciali nel caso abbia abilità diverse.  Tutto questo tradotto in pratica vuol dire un servizio sanitario tempestivo nel caso di emergenze, e una cura efficace. Per un turista che arriva nel territorio veneziano, nel nostro litorale, è la certezza di trovare efficienza e sicurezza; per una famiglia che arriva a Jesolo o nel litorale veneziano, per godersi un meritato periodo di riposo, vuol dire serenità. Essere certi che il proprio figlio o figlia disabile avrà in ogni momento la migliore e qualificata assistenza. Questo è sicuramente un punto molto forte in una catena del valore che può orientare la scelta verso le nostre spiagge piuttosto che verso altri lidi».

Il direttore Bramezza tra l’altro ha detto: «Avevamo annunciato il rilancio di questo presidio ospedaliero, e nei fatti stiamo dimostrando il mantenimento della parola data». Il sindaco Zoggia ha ricordato anche gli altri servizi sanitari già offerti al turista, dalla dialisi serale al servizi pediatrico notturno; il sindaco Striuli ha ricordato «la necessità di abbattere le barriere e superare i limiti che rendono spesso inaccessibile il percorso al turista disabile»; infine il presidente Zaia tra l’altro ha ricordato come «Questo non è che un modulo, non vuole essere un “ghetto” per turisti disabili, ma un modello da replicare in modo da rendere tutto il litorale attrezzato su questo esempio». Ha ricordato poi l’elevato servizio offerto dalla sanità Veneta “che mantiene alti livelli di assistenza nel rispetto di un principio di virtuosità”.

La spiaggia di Nemo - dal nome del pesciolino protagonista dei cartoons, che aveva una disabilità ad una pinna - può essere prenotata anche on line, visitando il sito www.jesoloturismo.it.

Media

Jesolo: inaugurata spiaggia per disabili
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento