Società e Politica
stampa

L'intervento di Mattarella all'assemblea dell'Anci

Un grazie ai sindaci, è quello del Capo dello Stato che ha manifestato riconoscenza e solidarietà per le minacce di questi giorni. Mario Conte: "Un grande riconoscimento"

Parole chiave: sergio mattarella (52), presidente (16), repubblica (11), sindaci (128), anci (93), anci veneto (22), mario conte (46)
Mattarella all'Anci

Nell’affrontare la pandemia “abbiamo dato dimostrazione di saggezza e di volontà di ripresa. E’ stato fatto un grande lavoro. Occorre adesso prevenire e contrastare le ulteriori, pericolose insidie, che provengono dai nuovi contagi. Il tempo della responsabilità non è ancora concluso”. Lo ha affermato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento alla 38ª Assemblea dell’Associazione nazionale Comuni italiani (Anci) apertasi martedì scorso a Parma.

Il Capo dello Stato, dopo aver rivolto “un ricordo” e “un pensiero di riconoscenza agli amministratori locali che hanno perduto la vita a fianco dei loro concittadini a causa del virus”, ha sottolineato che “soprattutto grazie ai vaccini - e grazie al senso di responsabilità e al rispetto degli altri e delle regole manifestati dalla quasi totalità dei nostri concittadini - siamo riusciti a superare il tornante più impervio, abbiamo riconquistato importanti spazi di normalità, di libertà, e siamo incamminati su un percorso nuovo, dove si può tornare a progettare, a costruire, a operare per un futuro migliore anche rispetto a quello che si presentava prima della comparsa della pandemia”. Ricordando che “il ruolo delicato e centrale di sindaci e amministratori di ogni Regione attira purtroppo, talvolta, minacce che, con preoccupante frequenza, provengono da ambienti malavitosi e da violenti”, il Capo dello Stato ha evidenziato che “queste minacce a chi con impegno serve la propria comunità costituiscono un’aggressione alla nostra democrazia e vanno severamente contrastate”. “In queste ultime settimane - ha proseguito - manifestazioni non sempre autorizzate hanno tentato di far passare come libera manifestazione del pensiero l’attacco recato, in alcune delle nostre città, al libero svolgersi delle attività. Accanto alle criticità per l’ordine pubblico, sovente con l’ostentata rinuncia a dispositivi di protezione personale e alle norme di cautela anti-Covid, hanno provocato un pericoloso incremento dei contagi”.

ll presidente di Anci Veneto, Mario Conte ha commentato così le parole del presidente della Repubblica: “Un grande riconoscimento alla responsabilità e all’impegno dei sindaci nel corso dell’emergenza sanitaria ed economica che non è ancora finita. E un appello a rispettare le regole perché il virus non è ancora sconfitto. E’ un appello che facciamo nostro in questi giorni in cui stiamo cercando di limitare i contagi e gestire le manifestazioni di piazza, senza limitare la libertà di nessuno, ma cercando di far capire a tutti che la salute dei cittadini viene prima di tutto”.

Prosegue Conte: “Il Presidente ha ribadito, inoltre, il ruolo che i Comuni devono avere nella gestione dei fondi del Pnrr. I sindaci devono essere protagonisti nella sfida della sostenibilità della consapevolezza che l’autonomia è responsabilità e virtuosità nella gestione delle risorse”.
Mario Conte ci ha a tenuto, infine, a ringraziare il Presidente della Repubblica “per aver ricordato l’importanza della dignità dei sindaci per il ruolo istituzionale ricoperto”.

Tutti i diritti riservati
L'intervento di Mattarella all'assemblea dell'Anci
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento