Società e Politica
stampa

Nuovo sportello online dedicato alle famiglie

Il sito è finanziato dalla Regione e raccoglie i servizi di 37 Comuni della Marca trevigiana. “Iniziativa utile e che può crescere, ora però serve anche un discorso culturale”, il commento di Gallo, del Forum delle famiglie di Treviso

Parole chiave: famiglia (273), sportello (21), web (12), sito (3), q-web (1), regione veneto (215), comune (66), treviso (1889), forum associazioni familiari (3), la esse (8), francesco gallo (4)
Papà e figlio

Un unico portale online dove sono raccolti i servizi sanitari, sociali, relativi alla scuola, alle opportunità socio-economiche e ai servizi territoriali dedicati alle famiglie di 37 Comuni trevigiani.

Il progetto è stato presentato a Treviso, comune capofila, lo scorso 29 ottobre. Sul sito www.sportellofamiglia.tv.it dunque si potranno trovare tutte le informazioni necessarie a un nucleo familiare, servizi di aiuto economico, di sostegno alla natalità, e alla crescita dei figli.

L’operazione nasce nell’ambito territoriale sociale dell’ex distretto 9, un bacino di 450 mila abitanti, ed è stata realizzata grazie ai fondi della Regione Veneto attraverso il contributo della Dgrv “Attivazione dello Sportello Famiglia, previsto dalla legge regionale 28 maggio 2020 - Interventi a sostegno della famiglia e della natalità”. “Un progetto - ha spiegato Sonia Brescacin, presidente della commissione Sociali della Regione - dedicato soprattutto alle coppie che vogliono costruire una famiglia e a quelle con figli minori”.

“Si parla sempre di fare rete - ha commentato il sindaco di Treviso e presidente Anci Veneto Mario Conte - questo progetto è un esempio virtuoso di cosa significhi fare squadra e parlare di territorio esteso uscendo dalla logica dei diversi campanilismi e lo fa allo scopo di affrontare al meglio le esigenze reali delle famiglie”.

Entusiasta anche il presidente del Forum delle associazioni familiari di Treviso Francesco Gallo: “Si tratta di un servizio veramente utile - ha chiarito - ed è un passo importante in primo luogo perché i servizi che lavorano insieme e creano relazioni sono più completi e stabili, e poi perché ha grandi potenzialità di sviluppo. Penso per esempio a tutte le famiglie con familiari anziani, che hanno bisogno di qualcuno che li aiuti nella cura, ma che non sanno come e dove cercare delle figure professionali adeguate. Il sito potrebbe dare un buon servizio in questo senso. Credo insomma che sia un ottimo contenitore, tutto da inventare e implementare al meglio”.

La realizzazione del sito. Il lavoro di mappatura e aggregazione di servizi, attività e opportunità è stato condotto dalla cooperativa La Esse di Treviso, che si è occupata non solo della raccolta ma, dopo il corso di formazione tenuto dall’azienda Q-Web, che ha sviluppato il sito, anche del caricamento dati all’interno del nuovo portale.
Le associazioni e gli enti che offrono servizi rivolti alla famiglia in uno dei comuni aderenti al progetto e che intendono dare visibilità degli stessi attraverso il portale, possono richiedere l’inserimento delle informazioni sulla piattaforma tramite il sito stesso o la mail info@sportellofamiglia.tv.it.

Ciascuno dei 37 Comuni trevigiani coinvolti nel progetto potrà aggiornare e ampliare l’offerta dei servizi di sua competenza e accedere alla propria sezione dedicata per modificare i servizi esistenti o aggiungerne di nuovi. Ciò avverrà dopo il corso di formazione tenuto da Q-Web ai referenti individuati da ciascun Comune, incaricati della raccolta di nuovi servizi alle famiglie offerti nel proprio territorio e alla gestione degli stessi. La scelta del partner tecnologico per la progettazione e sviluppo del portale è ricaduta su Q-Web srl, web agency di San Donà di Piave. In stretta collaborazione con La Esse, Q-Web ha realizzato il nuovo sito web, accattivante nella grafica, che da fine ottobre è a disposizione di tutti gli utenti e capace di garantire una navigazione semplice e intuitiva da qualsiasi dispositivo.

Serve anche una cultura della famiglia. Alcune criticità tuttavia permangono: in primo luogo, il fatto che l’aggregazione e il riordino dei servizi avvenga online esclude dall’accesso tutti quei nuclei familiari più poveri che non possiedono una connessione a internet o le competenze digitali necessarie alla consultazione di un sito web. Inoltre per ora l’offerta si presenta solo in lingua italiana, escludendo le famiglie straniere che ancora non padroneggiano bene l’italiano.

“E’ una riflessione che ho fatto anch’io - ha raccontato Francesco Gallo - ma mi sono risposto che i sevizi e i percorsi sul territorio c’erano anche prima e continueranno a esserci per tutti, questo sito è un di più, un arricchimento dell’offerta”. Gallo ha concluso la propria riflessione spiegando cosa secondo lui ancora manca per sostenere la formazione di nuovi nuclei familiari, facendo un passo oltre: “Formare una famiglia non è solo un discorso economico, ma culturale - ha concluso - e al giorno d’oggi non è per nulla semplice. Vediamo che in Veneto le percentuali di divorzio sono preoccupanti, arrivano quasi al 50% delle coppie, allora forse sarebbero necessari più percorsi culturali di accompagnamento delle coppie, che mettano in relazione e a confronto le esperienze, fornendo i mezzi per affrontare insieme alcuni problemi”.

Comuni coinvolti

Aderiscono al progetto, oltre a Treviso, comune capofila, Arcade, Breda di Piave, Carbonera, Casale sul Sile, Casier, Cessalto, Chiarano, Cimadolmo, Fontanelle, Gorgo al Monticano, Istrana, Mansuè, Maserada sul Piave, Meduna di Livenza, Mogliano Veneto, Monastier, Morgano, Motta di Livenza, Oderzo, Ormelle, Paese, Ponte di Piave, Ponzano Veneto, Portobuffolè, Povegliano, Preganziol, Quinto di Treviso, Roncade, Salgareda, San Biagio di Callalta, San Polo di Piave, Silea, Spresiano, Villorba, Zenson di Piave e Zero Branco.

Tutti i diritti riservati
Nuovo sportello online dedicato alle famiglie
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento