Società e Politica
stampa

Pagati come trent'anni fa, Coldiretti alla guerra del grano

Ci sarà anche il presidente trevigiano Feltrin domani a Roma al blitz a difesa del grano italiano che sta affrontando una crisi senza precedenti con quotazioni più basse di 30 anni fa che rischiano di fare strage delle centinaia di migliaia di aziende agricole impegnate nella coltivazione più estesa sul territorio nazionale.

Parole chiave: grano (6), coldiretti (153), agricoltura (72)
Pagati come trent'anni fa, Coldiretti alla guerra del grano

“Pagati come 30 anni fa, anzi meno. E’ un insulto non solo alla dignità della nostra professione, ma anche alla qualità del prodotto Made in Italy”. Con queste parole Walter Feltrin, presidente di Coldiretti Treviso annuncia lo scoppio della guerra del grano. Ci sarà anche lui domani a Roma al blitz a difesa del grano italiano che sta affrontando una crisi senza precedenti con quotazioni piu’ basse di 30 anni fa che rischiano di fare strage delle centinaia di migliaia di aziende agricole impegnate nella coltivazione piu’ estesa sul territorio nazionale.
In provincia di Treviso nel 2015 gli ettari di grano tenero si sono attestati a quota 6550 con una produzione complessiva di 43 mila tonnellate. In Veneto si parla di ha 81 mila per una produzione di 525 mila t. L’ultima quotazione della borsa merci di Treviso del 6 luglio scorso è stata di € 0,15 al kg ben al di sotto dei costi di produzione. A chiamare a raccolta i produttori di tutta Italia, per la “guerra del grano”, davanti al Ministero delle Politiche Agricole in via Venti Settembre XX, dove è stato convocato dal Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina il tavolo di crisi nazionale con i rappresentanti delle Regioni e della filiera, dai campi all’industria fino alla distribuzione, è stato il Presidente Nazionale di Coldiretti, Roberto Moncalvo
 “Con l’avvio della mobilitazione si vuole combattere una situazione insostenibile provocata dall’aumento delle importazioni soprattutto da Paesi extracomunitari mentre i raccolti nazionali vengono lasciati nei magazzini per effetto di manovre speculative che provocano la desertificazione di milioni di ettari di terreno, i e mettono a rischio il futuro della filiera dei prodotti piu’ rappresentativi del Made in Italy nel mondo come la pasta e il pane – ha specificato lo stesso presidente Walter Feltrin -  Nell’occasione saranno smascherati dalla Coldiretti furbizie ed inganni ma anche formulate proposte concrete per dare un futuro sostenibile alla coltivazione e garanzie di qualita’ ai consumatori”.
Colpevole è un mercato globale controllato da 5 multinazionali che utilizzano lo strumento dello stoccaggio a fini speculativi:
“Si tratta di operazioni concentrate nel periodo di raccolta del prodotto nazionale e finalizzate ad abbatterne il prezzo di attraverso un eccesso di offerta. Si può dire che il grano “giramondo” abbatte i prezzi sui mercati locali – aggiunge Antonio Maria Ciri, direttore di Coldiretti Treviso - Nonostante quello che hanno tentato di farci credere gli industriali italiani - che hanno sempre importato grano, in particolare dal Canada, per miscelarlo con quello italiano, la qualità del nostro grano è fuori discussione”.

Fonte: Comunicato stampa
Pagati come trent'anni fa, Coldiretti alla guerra del grano
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento