Società e Politica
stampa

Patronati: Renzi apre a modifiche, Acli e sindacati attendono

“Prendiamo atto della dichiarazione del Presidente del consiglio che riconosce l’utilità sociale dei patronati, soprattutto quelli con limitate risorse economiche”. Così ha affermato Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli

Parole chiave: patronati (5), governo renzi (103), acli (38)
Patronati: Renzi apre a modifiche, Acli e sindacati attendono

Ieri sera, intervenuto alla trasmissione “Porta a porta”, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha testualmente affermato, rispondendo ad una domanda di Bruno Vespa: “Ma vuole che su una manovra di 36 miliardi non troviamo cento milioni per i patronati? Siamo disponibili a ragionarne”. “Prendiamo atto - afferma Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli - di questa dichiarazione del presidente del Consiglio Renzi, che riconosce l‘utilità sociale dei patronati per milioni di cittadini, soprattutto quelli con limitate risorse economiche che non avrebbero altri mezzi per far valere i loro diritti. Non è un caso - prosegue Bottalico - che la Corte Costituzionale nel 2000 riconobbe che le tutele assicurate in modo universale dai patronati... corrispondono a un interesse pubblico direttamente riconducibile all‘art. 3, secondo comma, della Costituzione". L‘utilità sociale dei patronati “è indiscutibile”. Lo dimostra “la grande mobilitazione in loro favore che viene dai cittadini: in soli sei giorni sono state già raccolte 250 mila firme ad un ritmo di tre firme al secondo. Lo dimostrano le iniziative assunte in questi giorni da centinaia di parlamentari, fra cui, tre emendamenti soppressori e modificatori dei tagli ai patronati, ed una lettera al presidente Renzi ed al ministro Padoan”.
Quest’ultima, prosegue Bottalico, sottoscritta da quasi 200 parlamentari del Pd, che chiede di ripristinare l‘ammontare del fondo previsto per i patronati nel bilancio 2014 per "evitare così il ridimensionamento dei servizi che sono particolarmente utili per i cittadini, costretti altrimenti a ricorrere a più costose alternative". “Attendiamo dunque - conclude il presidente delle Acli - con fiducia che le dichiarazioni rese ieri a Porta a Porta dal presidente del Consiglio sui patronati trovino riscontro in Parlamento nel dibattito sulla legge di stabilità, in considerazione della grande utilità sociale dei patronati e dei costi molto contenuti con cui erogano i loro servizi”. 

“Prendiamo atto della dichiarazione del Presidente del consiglio Renzi che riconosce l’utilità sociale dei patronati, soprattutto quelli con limitate risorse economiche”. Così ha affermato Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli, replicando la “disponibilità a ragionare” enunciata dal Presidente del consiglio Matteo Renzi sui fondi per i patronati da inserire nella prossima manovra finanziaria. Questa utilità sociale, si legge dal comunicato, fra l’altro viene dimostrata dalle iniziative assunte da centinaia di parlamentari che chiedono di ripristinare l’ammontare del fondo previsto per i patronati nel bilancio 2014 per “evitare così il ridimensionamento dei servizi che sono particolarmente utili per i cittadini, costretti altrimenti a ricorrere a più costose alternative”. “Attendiamo con fiducia - conclude Bottalico - che le dichiarazioni rese da Renzi ieri sera a Porta a Porta trovino riscontro in Parlamento nel dibattito sulla legge di stabilità”.

Fonte: Sir
Patronati: Renzi apre a modifiche, Acli e sindacati attendono
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento