Società e Politica
stampa

Poste italiane dopo l'editoriale dei settimanali diocesani sui ritardi nella consegna: "Ci scusiamo con i lettori, avviata ogni azione necessaria"

"L’obiettivo dell’Azienda è quello di garantire sempre e comunque il servizio ai cittadini, secondo le possibilità organizzative, nel rispetto delle regole a tutela della salute della clientela e del personale, seppur in un contesto che permane critico".

Poste italiane dopo l'editoriale dei settimanali diocesani sui ritardi nella consegna: "Ci scusiamo con i lettori, avviata ogni azione necessaria"

Poste italiane risponde all'editoriale dei settimanali diocesani del Nordest, che hanno denunciato i continui ritardi nella consegna dei giornali. "Poste Italiane - si legge -, scusandosi con i lettori e con le redazioni dei settimanali, precisa di aver già avviato ogni azione necessaria a mantenere alto il livello di qualità del servizio, nonostante la situazione di emergenza sanitaria che si è ripercossa inevitabilmente anche sull’operatività dei propri portalettere. L’aumento dei volumi di posta e di pacchi lavorati in dicembre e gennaio, inoltre, può aver comportato rallentamenti in fase di graduale miglioramento, compatibilmente con l’evoluzione della crisi pandemica che colpisce anche Poste Italiane, come tutte le altre strutture del Paese. L’obiettivo dell’Azienda è quello di garantire sempre e comunque il servizio ai cittadini, secondo le possibilità organizzative, nel rispetto delle regole a tutela della salute della clientela e del personale, seppur in un contesto che permane critico".

Fonte: Comunicato stampa
Tutti i diritti riservati
Poste italiane dopo l'editoriale dei settimanali diocesani sui ritardi nella consegna: "Ci scusiamo con i lettori, avviata ogni azione necessaria"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento