Società e Politica
stampa

Provincia, la gioia della Lega per la vittoria di Marcon. Gli sconfitti: "Risultato comunque positivo"

Zaia: "Complimenti e pronti a collaborare". Andreetta: "Penalizzati dall'astensionismo, ma serve più coesione". I Civici soddisfatti per il 16% raggiunto.

Parole chiave: lega nord (18), marcon (32), provincia (68), zaia (207), manildo (133), pd (47), andreetta (3), conte (19)
Provincia, la gioia della Lega per la vittoria di Marcon. Gli sconfitti: "Risultato comunque positivo"

Diverse le reazioni politiche alla vittoria, più netta del previsto, di Stefano Marcon alle elezioni provinciali, le prime che si sono svolte a Treviso con la nuova legge, che vede votare gli amministratori e non i cittadini.

“Essere chiamati ad amministrare un territorio ed i suoi cittadini, dando con il proprio impegno risposte concrete, è una delle attività più gratificanti. Tra la gente, con la gente. Complimenti e buon lavoro a Stefano Marcon”. Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia commenta l’elezione del Sindaco di Castelfranco Veneto alla giuda della Provincia di Treviso. “Per gli Enti Locali – sempre più pressati da un veemente tentativo di ritorno al centralismo di Roma – aggiunge Zaia – è una fase storica difficile, nella quale è fondamentale fare squadra per difendere gli interessi di tutti i cittadini, nessuno escluso, e perorare la loro causa ad ogni livello”. “Marcon – conclude il Governatore – ci troverà disponibili in ogni occasione nella quale la collaborazione istituzionale tra Regione e Provincia potrà portare un beneficio alla vita quotidiana della gente”.

"Voglio prima di tutto ringraziare i nostri candidati ed in particolare Giovanni e gli altri sindaci per aver accettato questa sfida difficile a servizio del nostro territorio", afferma la segretaria provinciale del Pd Lorena Andreetta. "Tenuto conto che si trattava di una elezione di secondo livello colpisce il dato così consistente degli amministratori che non sono andati a votare: il 16% circa, che non si è riconosciuto evidentemente nelle candidature in campo o che non si è sentito coinvolto a sufficienza. Un dato questo che sicuramente ha penalizzato più noi che il centrodestra. E che conferma quanto avevo sostenuto sin dall'inizio, ovvero che un'elezione come questa non andava affrontata come una partita politica, ma invece sul piano istituzionale”, ribadisce Andreetta. Che aggiunge: “Purtroppo l'atteggiamento della Lega Nord non ha aiutato: non ha nemmeno voluto provare a condividere una candidatura a presidente il più autorevole possibile e capace quindi di coagulare una squadra unitaria di amministratori per affrontare le difficoltà della transizione che l'Ente Provincia sta affrontando. Resto convinta che il Presidente eletto, cui auguro buon lavoro, dovrà necessariamente farsi carico di dialogare anche con i consiglieri provinciali espressione della lista che non lo ha sostenuto per assicurare il buon governo dell'Ente stesso, perseguendo la leale collaborazione tra tutti gli amministratori della Provincia”. “Anche questo passaggio dal carattere istituzionale, riservato all’autonomia e responsabilità degli amministratori comunali, che non ha mai costituito per la segreteria provinciale un test per sperimentare un laboratorio politico nazionale ispirato al Partito della Nazione – come invece altri erroneamente hanno teorizzato – conferma ancora una volta che se vogliamo costituire in questo territorio un’alternativa di governo al centrodestra è necessaria la maggiore coesione all’interno del partito, anche tra amministratori, e insieme la capacità di superare le dinamiche autoreferenziali interne al Pd per aprirsi ai contributi esterni di chi non si riconosce nelle attuali sigle politiche. Invito perciò tutto il gruppo dirigente del Pd, inclusi gli amministratori, e a cominciare dalla sottoscritta, ad affrontare con spirito unitario e responsabile il duro lavoro che ci aspetta, non solo in vista del prossimo referendum costituzionale, ma anche delle amministrative 2017”, conclude la segretaria provinciale del Pd di Treviso.

Il movimento dei sindaci civici ha raccolto il 16% delle preferenze alle elezioni provinciali di Treviso.  "Sindaci - spiegano i tre portavoce Franco Conte, Pietro Dalla Libera e Franco Bonesso - che hanno trovato una casa dove riconoscersi è che da oggi possono contare su due consiglieri provinciali. Si tratta di un risultato positivo e che va oltre alle aspettative considerando che nel panorama politico trevigiano la componente degli amministratori “civici “non aveva nessuna rappresentanza: ora c'è. Da sottolineare che non ha partecipato al voto il 16% degli amministratori e quindi il margine di crescita e' ulteriore. È l'inizio di un nuovo percorso".
"I nostri candidati - rimarcano i tre - hanno ottenuto voti da circa 200 amministratori della provincia che provengono praticamente da tutti i comuni". "Avvertiamo - spiegano i due neoeletti consiglieri di Civiche per la Provincia, Mattia Perencin e Natascia Porcellato - la responsabilità di portare la voce di questa componente in Consiglio e lavoreremo per farlo al meglio delle nostre capacità e con il massimo impegno. Il nostro obiettivo, come dichiarato nel nostro programma, è fare in modo che la Provincia sia un punto di riferimento per tutti gli amministratori, senza distinguo alcuno: è da questo principio che partiremo. Il rapporto con gli altri gruppi consiliari sarà di confronto costruttivo, tenendo aperto il dialogo, ma con sempre ben chiari il principio e il programma che ci hanno portato a candidarci".

Il segretario generale della Cgil di Treviso, Giacomo Vendrame, invia il proprio auguro di buon lavoro al neopresidente della Provincia Stefano Marcon. “Nota la situazione di instabilità e incertezza nella quale versa l’Ente di via Cal di Breda e visto che quello del nuovo presidente sarà un ruolo a scavalco tra Comune e Provincia, confidiamo – afferma Giacomo Vendrame – che, nel fare gli interessi dei trevigiani e il loro bene, vengano coinvolti tutti i soggetti del nostro territorio nelle scelte e nel grande lavoro da fare”.

Tutti i diritti riservati
Provincia, la gioia della Lega per la vittoria di Marcon. Gli sconfitti: "Risultato comunque positivo"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento