Società e Politica
stampa

Renzi, meriti solo dal 5 al 6

La Confartigianato di Treviso dà la pagella al premier. Che merita un 5 per le cose ancora non fatte, e un 6 per la volontà del premier a cambiare il Paese. Sartori: "Confidiamo in lui, ma il tempo a disposizione è sempre meno".

Parole chiave: renzi (94), governo renzi (103), artigiani (78), confartigianato (53)
Renzi, meriti solo dal 5 al 6

Una pagella al Governo Renzi, sei mesi dopo la presentazione di proposte e riflessioni degli artigiani per l’attuazione di politiche realmente efficaci e a favore delle imprese: basta fisco oppressivo, uscire dall’emergenza occupazionale, assicurare governabilità, semplificare norme e adempimenti, credito alle imprese, accompagnamento ai mercati, più infrastrutture, riduzione dei costi energetici, quadro di legalità e abolizione del Sistri.

E’ quanto ha presentato la Confartigianato Marca Trevigiana che, facendo una media sui voti delle 10 proposte fatte e Roma e dei 40 sottotemi che esse includono, da un bel 5 a Renzi e la sua compagine.

“Diamo invece un 6 se valutiamo la volontà del Premier  a cambiare il Paese – ha commentato Renzo Sartori, presidente Confartigianato Marca Trevigiana - Renzi ha ricevuto, soprattutto dai piccoli imprenditori, un mandato affinché le cose cambino. Continuiamo a confidare su Renzi che va sostenuto contro le lobby dell’immobilismo e delle rendite di posizione. Ma il tempo a disposizione è sempre meno”.

Ma veniamo alla ‘pagella’ mediamente insufficiente: tra i risultati spiccano un quasi 8 sull’energia e, all’opposto, un quasi 4 in  tema di credito. Fa specie il 5 in tema di lavoro: il pur apprezzabile superamento della causale sui contratti a termine è danneggiato dai mancati interventi sul costo del lavoro, sugli ammortizzatori e sul ritardo dell’atteso Jobs Act. In tema di fisco, altro 5, laddove si vedono più intenzioni che fatti e in tema di riforme istituzionali, che registra la quasi sufficienza, pesano i ritardi sul riordino delle autonomia locali e la confusione sulle città metropolitane.

Con riferimento al capitolo semplificazioni, dove il voto è 5, la sufficienza registrata dal Decreto Legge “Riforma della Pubblica Amministrazione” non bilancia la negatività per l’assenza di semplificazioni in tema di sicurezza sul lavoro e le criticità in tema di Camere di Commercio e registro delle imprese.

Una sufficienza, speriamo incoraggiante, è data al capitolo internazionalizzazione e Made in Italy.

Un più ampio servizio sul prossimo numero della Vita del popolo

Renzi, meriti solo dal 5 al 6
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento