Società e Politica
stampa

Scuola, la Regione Veneto punta sull'alta formazione professionale

“Vogliamo superare la storica separatezza tra mondo della scuola e mondo della formazione professionale – ha spiegato l’assessore Donazzan – e utilizzare al massimo tutte le competenze della Regione, a costituzione vigente".

Parole chiave: regione veneto (197), veneto (489), regione (359), donazzan (15), scuola (420), formazione professionale (22)
Scuola, la Regione Veneto punta sull'alta formazione professionale

Con la presentazione ai consiglieri della terza commissione del Consiglio veneto ha preso avvio l’iter di approvazione della riforma della formazione professionale in veneto e del varo del nuovo “sistema educativo” regionale. “Una riforma ambiziosa e di sistema, che segnerà questa legislatura e farà del Veneto una regione di rango europeo”, ha esordito in commissione Elena Donazzan, assessore all’Istruzione e alla Formazione, illustrando i cardini del disegno di legge.

Il testo di legge, primo firmatario il presidente Luca Zaia, punta a mettere in rete i diversi segmenti del mondo dell’istruzione secondaria e della formazione professionale e permanente (che conta oltre 700  mila studenti nella secondaria di secondo grado, 50 mila docenti), valorizza e stabilizza la peculiarità veneta dei centri di formazione professionale  e punta a per costruire un sistema unitario e flessibile, in dialogo con il territorio e con il mondo delle imprese. Un sistema “Vogliamo superare la storica separatezza tra mondo della scuola e mondo della formazione professionale – ha spiegato l’assessore – e utilizzare al massimo tutte le competenze della Regione, a costituzione vigente, facendo tesoro delle esperienze di eccellenza maturate, per programmare un’offerta formativa aderente alle esigenze dei giovani e in sintonia con quanto ci chiedono imprese, famiglie e territori. L’obiettivo sono percorsi di qualità, flessibili e integrati tra loro, certificati da valutatori indipendenti, che consentano ai giovani di maturare competenze, di sperimentare l’alternanza tra scuola e lavoro e di trovare un impiego consono al proprio percorso”.

I 23 articoli della proposta di riforma si propongono di superare le leggi regionali esistenti in materia di formazione professionale e affidano alla Regione il compito di pensare e organizzare un sistema interconnesso tra istruzione e formazione. La regione dovrà misurare la domanda formativa,  programmare l’offerta dei servizi di istruzione e formazione su base territoriale, promuovere e gestire l’orientamento (materia di esclusiva competenza regionale) e programmare un sistema di valutazione e di misurazione certificata degli esiti occupazionali del sistema formativo. Il Consiglio regionale avrà il compito di programmare, su base triennale le indicazioni per i piani di studio. La Giunta li declinerà in percorsi di istruzione, professionali e formativi, stabilendone sedi, standard, durata, articolazione, titoli e crediti in modo da garantire la spendibilità dei diplomi e anche la possibilità di passaggio da un percorso all’altro.

“Tra le novità della nostra proposta – ha sottolineato Elena Donazzan – c’è un investimento strutturale nell’alta formazione professionale. Il Veneto è la prima regione in Italia, e tra le regioni leader in Europa, per la qualità del proprio sistema di formazione professionale. Le classifiche dei più accreditati istituti di ricerca (Ocse e Pisas) fotografano un tasso di dispersione scolastica sensibilmente inferiore alla media nazionale (in Veneto è del 10,2%, livello paragonabile agli standard europei) e documentano che il 70 per cento dei giovani qualificati in Veneto trovano lavoro dopo un anno dalla qualifica.

Fonte: Comunicato stampa
Scuola, la Regione Veneto punta sull'alta formazione professionale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento