Società e Politica
stampa

Servizio civile: le proposte di alcune associazioni

Il 26 giugno, alle ore 14.00, scadono i bandi 2017 per il Servizio civile nazionale da svolgere presso i vari organismi, enti ed associazioni. Una possibilità che riceve oggi nuova visibilità, di fronte al dibattito riguardante un’eventuale leva civile o militare. L’opportunità del servizio civile è estesa anche ai rifugiati.

Parole chiave: servizio civile (10), associazioni (30), volontariato (112), volontarinsieme (20)
Servizio civile: le proposte di alcune associazioni

Il 26 giugno, alle ore 14.00, scadono i bandi 2017 per il Servizio civile nazionale da svolgere presso vari organismi, enti ed associazioni. Una possibilità che riceve oggi nuova visibilità, di fronte al dibattito riguardante un’eventuale leva civile o militare. L’opportunità del servizio civile è estesa anche ai rifugiati.
Acli. Il bando nazionale è per 575 volontari assegnati alle Acli che prenderanno servizio nelle sedi dell’Associazione in tutta Italia e in vari Paesi del mondo. A Treviso sono disponibili 6 posti per 6 progetti su anziani, immigrazione, famiglie, donne e lavoro di cura, vulnerabilità sociale.
Restano invariati i requisiti per partecipare e cioè: essere giovani in età tra i 18 e i 29 anni non compiuti, cittadini italiani, degli altri Paesi dell’Unione europea o non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia. Per informazioni sui progetti, su come candidarsi ed inviare la domanda, è possibile contattare la segreteria Acli al numero 0422 56340 in orario di ufficio oppure inviare una email a treviso@acli.it con oggetto “Scn 2017”.
Inoltre venerdì 16 giugno, dalle 9 alle 18, si terrà l’appuntamento “Scn Open Day”: le porte dell’associazione sono aperte, presso la sede delle Acli Provinciali di Treviso (in viale della Repubblica 193/A) i volontari che stanno svolgendo l’esperienza quest’anno saranno disponibili ad incontrare i nuovi potenziali candidati. L’Open day si concluderà alle 18 con un aperitivo.
Centro servizi volontariato e Associazione comuni. Volontarinsieme - Csv di Treviso può accogliere fino a 3 giovani nei diversi ambiti e altri 3 coordinamenti territoriali. La domanda va presentata direttamente all’Ente che realizza il progetto prescelto, occorre quindi consultare il sito web dell’ente di riferimento, considerando che sono oltre 170 le sedi di progetto nel territorio della provincia di Treviso.
Nei progetti di rete di Volontarinsieme - Csv Treviso potranno essere accolti complessivamente sei giovani. Quattro ragazzi per seguire la promozione del volontariato giovanile, in collaborazione con gli istituti superiori della provincia. Un altro posto a supporto dell’Università del volontariato nella programmazione e gestione del gruppo classe e delle lezioni. Un altro giovane sarà impegnato nei progetti in ambito socio-sanitario.
I posti disponibili presso Volontarinsieme – Csv  Treviso fanno parte dei 132 posti della rete Associazione Comuni della Marca trevigiana: 83 in area sociale  – Progetto “Sentieri Comuni”, 32 in area culturale (biblioteca) – Progetto “I nuovi ragazzi del 99” e 17 in area educazione, animazione – Progetto “EduCare”. Di questa grande rete progettuale fanno parte anche 20 realtà associative aderenti a Volontarinsieme – Csv Treviso
Disponibili, oltre ai sei posti alle Acli provinciali, anche un posto a Mani Tese, due posti all’Avis Regionale e ben 36 posti presso Unpli Veneto (Pro loco).
Il personale di Volontarinsieme è a disposizione, su appuntamento, per illustrare le varie opportunità di servizio, inviando una mail con i propri dati a promozione@trevisovolontariato.org. Ricordiamo che per partecipare alle selezioni è necessario compilare la domanda scaricabile dal sito www.trevisovolontariato.org.
La Nostra Famiglia e cooperazione internazionale. Anche La Nostra Famiglia offre la possibilità di svolgere un anno di servizio. Ci sono 4 progetti che possono coinvolgere sino a 8 giovani, proponendo interessanti prospettive di crescita personale e professionale nonché di promozione della persona. I progetti avranno luogo in diverse parti del mondo (Ecuador, Cina, Marocco, Sudan) inserendosi in programmi di Cooperazione già avviati.
La possibilità è rivolta a giovani dai 18 ai 28 anni, sarà requisito preferenziale il possesso del titolo di educatore, fisioterapista, psicologo, terapista occupazionale, pedagogista, terapista della neuropsicomotricità in età evolutiva, progettista, assistente sociale, addetto alla comunicazione ed alla organizzazione di eventi.
Il bando scade il 26 giugno 2017.
Come ben sintetizza Cinzia Ballerini, responsabile di Ovci Comunicazione: “E’ un’opportunità con una forte valenza educativa e formativa, un’occasione di crescita personale, di impegno ed educazione alla cittadinanza attiva, contribuendo allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese. Ovci, grazie al sostegno della Federazione Focsiv, ha deciso di aprire le proprie porte al Servizio civile nazionale - all’estero - perché: riteniamo che ci sia un alto potenziale formativo nel condividere per un anno le attività che realizziamo; siamo disponibili a metterci in gioco con persone giovani che ci stimolano e ci permettono di rimanere giovani. Nel corso degli anni abbiamo verificato che l’esperienza di volontariato internazionale nella cooperazione aumenta esponenzialmente le capacità delle persone perché allena la mente e l’anima a lavorare in modo creativo e flessibile”.
Per avere ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.ovci.org oppure contattare la sede de La Nostra Famiglia di Conegliano allo 0438 4141 e chiedere di Francesca.

Tutti i diritti riservati
Servizio civile: le proposte di alcune associazioni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento