Società e Politica
stampa

Stranieri a Nordest, la grande frenata

Il Veneto segna il passo: è l’ultima Regione per tasso di crescita della popolazione straniera. Studio della Fondazione Moressa

Parole chiave: immigrazione (70), stranieri (51), immigrati (157)
Festa interetnica a Giavera

Il Veneto segna il passo: è l’ultima Regione per tasso di crescita della popolazione straniera. Anche Friuli e Trentino sono sotto la media nazionale. La Fondazione Leone Moressa ha messo in relazione i dati sui cittadini stranieri residenti con i dati sulle acquisizioni di cittadinanza italiana, elaborando un Indice di acquisizione di cittadinanza a livello comunale. Ottenere la cittadinanza è più difficile nei grandi Comuni capoluogo.

 

Aumento della popolazione straniera, il Veneto rallenta

Osservando la variazione della popolazione straniera residente dal 2007 al 2013, il Veneto è la Regione con il tasso di crescita più basso (+39,1%). Anche Trentino - Alto Adige (+47,6%) e Friuli - Venezia Giulia (+41,5%) si collocano al di sotto della media nazionale (+49,3%). Crescono le regioni del Sud: la Basilicata e la Calabria hanno più che raddoppiato il numero degli stranieri dall’inizio della crisi economica.

 

La comunità rumena è la più numerosa

In otto Province su tredici la Romania rappresenta la prima nazionalità: particolarmente diffusa a Padova (30,4% degli stranieri), Verona (24,6%) e Pordenone (23,9%). Seguono Albania e Marocco. Fra le altre comunità, a Rovigo uno straniero su cinque è Cinese, mentre a Trieste è molto numerosa la comunità della Serbia (quasi un terzo degli stranieri). Più eterogene la situazione a Belluno e Gorizia in cui circa il 35% degli stranieri si ripartisce in tre diverse etnie.

 

Arzignano (VI), un cittadino su cinque è straniero

Nel Nord-Est l’incidenza percentuale degli stranieri sulla popolazione totale raggiunge il 9,3%, ben al di sopra della media nazionale (7,1%). Ad Arzignano (VI) si supera il 20%. Quota sfiorata anche da Lonigo (19,1%) e San Bonifacio (18,5%). Tra i primi dieci Comuni, ben cinque si trovano nel Vicentino. Agli ultimi posti, comunque, solo Belluno scende al di sotto della media nazionale., mentre Mira e Rovigo si attestano al 7,3%.

Acquisizione della cittadinanza, più difficile nelle grandi città

Al 31 Dicembre 2011, nel Nord-Est risiedono 123 mila cittadini stranieri naturalizzati Italiani, quasi un quinto del totale nazionale. In particolare in Veneto risiedono il 10% dei naturalizzati totali italiani. Rapportando il dato ai naturalizzati ed agli stranieri presenti nel territorio possiamo dire che su 100 stranieri residenti quasi 16 hanno già ottenuto il passaporto italiano, valore che aumenta a 25 in Friuli Venezia Giulia. Nel 2012 le acquisizioni di cittadinanza italiana annuali nel Nord-Est sono state 12 mila. La Fondazione Leone Moressa ha elaborato un Indice di acquisizione della cittadinanza, calcolando quanti cittadini stranieri hanno ottenuto la naturalizzazione nel solo 2012.

Il Comune con il più alto indice di acquisizione della cittadinanza è Lonigo: ogni 100 stranieri, 3,8 ottengono la cittadinanza italiana. Seguono Rovereto (3,7%) e Belluno (3,6%). In fondo alla classifica troviamo i grandi Comuni capoluogo (Treviso, Verona, Vicenza, Venezia e Padova), che paradossalmente sono le città con il maggior numero di stranieri.

Fonte: Comunicato stampa
Stranieri a Nordest, la grande frenata
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento