Società e Politica
stampa

Ulss 2 e Upv alleati per la vita: volontari negli ospedali per "prevenire" l'aborto

“Uniti per la vita” nei presidi ospedalieri e nei consultori per “un servizio di ascolto, supporto e aiuto”. L’associazione si rende “disponibile ad essere interpellata a chiamata per le situazioni di incertezza nella scelta di interruzione volontaria di gravidanza”. Si tratta del primo caso in Italia, in applicazione degli articoli 1 e 5 della legge 194.

Parole chiave: angela calesso (1), convenzione (5), uniti per la vita (5), upv (4), vita (75), aborto (11), ivg (3), ulss 2 (179), francesco benazzi (29)
Ulss 2 e Upv alleati per la vita: volontari negli ospedali per "prevenire" l'aborto

Dovrebbe essere una cosa “normale”: dare attuazione all’articolo 1 della legge 194 del 1978 sull’interruzione volontaria di gravidanza, articolo che impone di evitare “che l’aborto sia usato ai fini della limitazione delle nascite”. Così come dovrebbe essere una cosa normale dare attuazione all’articolo 5, che prevede di “far superare le cause che potrebbero indurre la donna all’interruzione della gravidanza”. Assume invece una portata “storica”, e costituisce un’esperienza unica in Italia il fatto che una Ulss prenda sul serio l’attuazione di tali articoli.

17convenzione-ulss-upv-du-aborto-20171018-WA0004

Esperienza pilota a livello nazionale
L’Ulss è proprio quella di Treviso. Il 25 settembre scorso, nella sede di villa Carisi, è stata firmata la convenzione tra l’Ulss 2 e Uniti per la vita Cav Mpv Treviso onlus, nelle persone del direttore generale Francesco Benazzi e della presidente di Upv Angela Calesso. L’iniziativa costituisce davvero un’esperienza pilota, tanto che si è “scomodato” perfino il presidente nazionale del Movimento per la vita, Gian Luigi Gigli, che era presente al momento della firma.
La convenzione autorizza l’associazione a svolgere attività di volontariato in favore degli utenti presso i presidi ospedalieri e i Consultori dell’Ulss 2 Marca Trevigiana e precisa che “tale attività consiste nel promuovere le finalità dell’associazione e garantire un servizio di ascolto, supporto e aiuto a sostegno delle donne e delle coppie che si trovano ad affrontare una gravidanza difficile”.
Nell’articolo 4 si fa riferimento ad un protocollo operativo concordato con il referente dell’Ulss 2, il dott. Enrico Busato e si precisa che l’associazione “si rende disponibile ad essere interpellata a chiamata per le situazioni di incertezza nella scelta di interruzione volontaria di gravidanza o maternità difficili su richiesta degli interessati”.
Il protocollo che si andrà a stendere, in tempi brevi, prevede, oltre alle modalità concrete di attuazione della convenzione, anche l’esposizione nei sei ospedali e nei quattordici consultori delle locandine di “Sos Vita”  e della “Culla segreta”.
Ulteriore approfondimento nel numero in uscita della Vita del popolo

Tutti i diritti riservati
Ulss 2 e Upv alleati per la vita: volontari negli ospedali per "prevenire" l'aborto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento