Società e Politica
stampa

Un anno senza estate, turismo in ginocchio

Un ridimensionamento dei fatturati attorno ai 265 milioni di euro e una perdita stimata sul piano occupazionale di circa seimila posti di lavoro: sono gli effetti del maltempo sull'andamento della stagione estiva. A dirlo una analisi del centro studi di Confcommercio Veneto.

Parole chiave: turismo (83), maltempo (140), veneto (416), ascom (30)
Un anno senza estate, turismo in ginocchio

Un ridimensionamento dei fatturati attorno ai 265 milioni di euro e una perdita stimata sul piano occupazionale di circa seimila posti di lavoro: sono gli effetti del maltempo sull'andamento della stagione estiva. A dirlo una analisi del centro studi di Confcommercio Veneto, in accordo con Confturismo Veneto. Uno studio che punta il dito anche contro siti meteo che avrebbero fornito previsioni errate, aggravando una situazione compromessa da quella che è stata definita "una estate pazza".

Lo studio parla di una diminuzione di fatturati del 9,8% (meno 265 milioni sul 2013), con la montagna che arriva a meno 18,4%, e di una perdita di posti di lavoro di 6.000 unità. “Lo studio diffuso oggi da Confcommercio Veneto, in accordo con Confturismo, è drammaticamente veritiero e conferma l’assoluta necessità di una risposta forte. A questo punto non c’è tempo da perdere, il Governo deve dichiarare lo stato di crisi del settore, perché il Veneto è la prima Regione turistica d’Italia ed il suo Pil turistico contribuisce notevolmente a quello nazionale di settore”, commenta il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia.

“Che la stagione estiva 2014 sia stata “drammatica” per le imprese del settore turistico-commerciale è un dato di fatto. Rispetto alle richieste di Confcommercio e Confturismo Veneto di far fronte a questa situazione “di emergenza” con strumenti ad hoc come Regione siamo aperti al confronto per cercare insieme le soluzioni più idonee a risollevare quanto prima quella che è la prima “industria” del Veneto”. A dirlo è l’assessore regionale allo sviluppo economico e alle attività commerciali Isi Coppola in risposta alle sollecitazioni delle organizzazioni di categoria che lamentano per le imprese del settore terziario una notevole perdita secca di fatturati a causa dell’andamento climatico particolarmente negativo di quest’anno, paventando una recrudescenza di situazioni fallimentari in Veneto. “Assicuro quindi Confcommercio e Confturismo Veneto che chiedono un forte intervento pubblico - conclude l’assessore Coppola – che la Regione farà la sua parte, come del resto ha sempre fatto, sia per sollecitare l’intervento del Governo per tutti gli aspetti che sono di sua diretta competenza, sia per vedere insieme come riorientare in maniera più incisiva e mirata a favore delle imprese che più hanno sofferto la negatività stagionale tutte le misure regionali disponibili, a partire dai Fondi di Rotazione presso Veneto Sviluppo all’utilizzo dei Fondi Europei”.

Un anno senza estate, turismo in ginocchio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento