Società e Politica
stampa

Voto anticipato: "Servono anticorpi contro il populismo"

Intervista alla politologa e saggista Chiara Tintori: “Draghi si è comportato con coerenza, ora reagire con coraggio”

Parole chiave: chiara tintori (1), politica (68), elezioni (301), voto (23), governo (269), draghi (13), pnrr (32), cinque stelle (3), lega (137), populismo (11), mattarella (44), campagna elettorale (7)
Voto anticipato: "Servono anticorpi contro il populismo"

Alla fine si vota il 25 settembre. E’ la prima data utile che il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha individuato sul calendario, dopo che l’Esecutivo Draghi, con il non voto di Movimento 5 Stelle, Lega e Forza Italia ha visto evaporare la maggioranza di unità nazionale che si era formata a febbraio del 2021. A quel punto lo scioglimento delle Camere era “inevitabile”. Nelle sue dichiarazioni, il Presidente ha indicato in modo chiaro e forte le responsabilità che attendono le forze politiche.
Per capire cos’è successo e provare a scrutare il futuro abbiamo raggiunto al telefono la professoressa Chiara Tintori, politologa e saggista.

Professoressa, ha fatto bene Draghi a dimettersi dopo il non voto dei Cinque Stelle?
Non aveva alternative. Il Movimento 5 Stelle nel momento in cui ha scelto di non votare la fiducia al ddl Aiuti ha mandato un segnale politico che Draghi ha raccolto e ha consegnato nelle mani del presidente Mattarella perché era venuto meno il patto di unità nazionale. La cosa che sconcerta è vedere come una crisi si sia aperta su un provvedimento che elargiva aiuti a famiglie, imprese e lavoratori e non su tagli alla spesa pubblica. E’ stato un pretesto.

Avrebbe avuto senso un nuovo Esecutivo senza M5S?
No. Tutta la vicenda ha portato a galla una serie di veti incrociati. Oltre ai 5Stelle, pensiamo alla reazione che la Lega ha avuto sulla questione della legge sulla concorrenza. Questi veti avrebbero di fatto paralizzato l’azione di governo. Draghi si era accorto da tempo che la maggioranza si stava sfilacciando. La domanda cruciale che ha posto ai partiti è stata: “Siete pronti per un nuovo patto di fiducia?” Non ha nemmeno ricevuto risposta negativa: non si sono trovate delle forze politiche coraggiose, capaci di assumersi la responsabilità di dire “No, non siamo pronti”.

Qualcuno sostiene che nel suo discorso Draghi abbia fatto degli errori. Qual è la sua valutazione?
Penso che si sia comportato con una coerenza che neanche ci sogniamo negli attuali leader politici, esclusione fatta per Mattarella. Nel discorso Draghi richiamava i partiti alla responsabilità, cioè ad approvare quella serie di riforme del Pnrr senza le quali l’Italia non va avanti e che ci consentono di essere credibili nello scenario europeo. E’ stato coerente. Forse ha usato un linguaggio poco politichese? Potrebbe essere. Ha richiamato alla responsabilità e alla coerenza, dicendo chiaramente ad alcune forze politiche che non potevano più stare al Governo smarcandosi, protestando ogni volta che qualche provvedimento non era di loro gradimento. Ma questa è la caratteristica delle forze populiste: hanno bisogno sempre e comunque di essere “contro”.

Ora il Pnrr è a rischio?
Si tratta di capire quanto, nella concretezza delle singole riforme, Draghi abbia impostato una sorta di pilota automatico. Potrebbe essere che alcuni dei fondi che sono stati già erogati dall’Europa siano in sicurezza, perché le riforme che mancano hanno bisogno solo di dettagli. Per le tranche successive, invece, il rischio c’è.

Come immagina la campagna elettorale?
Avremo bisogno di cittadini molto vigili e desti, che aiutino i propri concittadini a recuperare una narrazione mediatica e politica veritiera, con un minimo di profondità storica, almeno per ricordare che cosa è successo dal 2018 a oggi. Dobbiamo aumentare gli anticorpi contro il populismo culturale, prima che politico. Oggi un politico può mentire senza più essere considerato disonesto e senza provocare alcuna reazione collettiva. Per questo sostengo che è tempo di reagire con coraggio nei mesi che ci separeranno dalle elezioni per ridare ossigeno alla cultura democratica.

Quali schieramenti possiamo immaginare?
Bisognerà fare di necessità virtù. Andiamo a votare con il Rosatellum, una legge che non sappiamo come funziona con il taglio dei parlamentari. Nel collegio uninominale, con il candidato unico, più ampia è la coalizione e più questi avrà la possibilità di essere eletto. Inevitabilmente andranno così a comporsi degli schieramenti. Con la crisi che si è aperta abbiamo assistito alla morte di Forza Italia. Le defezioni di Gelmini, Brunetta e Carfagna dicono che oramai Forza Italia è schiacciata sulle posizioni populiste della Lega salviniana. Questo significa che non esiste più un centro-destra, ma una destra-destra, sovranista e populista. Si tenga conto che anche il Movimento 5 Stelle, come l’abbiamo conosciuto, non esiste più. Se, poi, Giorgetti e i governatori leghisti avessero il coraggio di Gelmini e Brunetta le cose cambierebbero ancora. In ogni caso, a questo punto si libera molto spazio al centro. Si tratterà di vedere, inoltre, chi si farà carico, oltre al Pd, di portare avanti l’agenda politica che ha lasciato in eredità Mario Draghi.

Tutti i diritti riservati
Voto anticipato: "Servono anticorpi contro il populismo"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento